I volontari della Misericordia senza più una casa. Sfrattati dal paese dopo 15 anni di servizio. Chiedevano solo una sede idonea, ora saranno costretti a rivolgersi altrove. Faranno presto le valigie e la prossima destinazione sarà quasi certamente Fontana Liri. Non parliamo di un’associazione qualsiasi, di quelle che nascono già senza futuro o che cambiano direttivo ogni mese. Il loro presidente, Antonello Pisani, ha saputo rafforzare i ranghi e trovare nuove leve da addestrare al servizio volontario. Si sono occupati di malati, anziani, indigenti e in cambio cosa chiedevano al Comune? Solo una sede adeguata dove riunirsi e dove custodire i macchinari di pronto intervento.

(Servizio nell'edizione del 5 novembre)