Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Sabato 10 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









I cittadini danno una mano al Cup
0

I cittadini danno una mano al Cup

Pontecorvo

Liste d’attesa interminabili per fare un esame con la sanità pubblica? I cittadini intervengono e comprano nuovi macchinari. È quanto sta accadendo a Pontecorvo dove è partita una nuova raccolta fondi che consentirà di donare alla casa della salute della città fluviale un holter cardiaco per effettuare gli elettrocardiogrammi.

Qualche settimana fa alcuni cittadini si sono recati nella struttura sanitaria di Pontecorvo per prenotare l’importante esame. Una volta arrivati al centro di prenotazione l’amara scoperta: i tempi d’attesa per poter effettuare l’esame erano particolarmente.

Una condizione che ha accomunato diversi pazienti che hanno lodato e apprezzato l’eccezionale servizio cardiologico offerto dalla casa della salute ma, contestualmente, hanno notato come le liste si allunghino. Sul perché di queste lungaggini è presto detto. Tutto nasce dal fatto che nella casa della salute c’è un solo holter cardiaco e, di conseguenza, può essere effettuato un solo esame alla volta. E proprio in quel momento è partita forte la volontà dei cittadini di diventare parte attiva e di lanciare una nuova sfida per far crescere ulteriormente la struttura sanitaria pontecorvese.

Proprio in questi giorni è partita una raccolta fondi finalizzata all’acquisto di un secondo holter cardiaco che sarà donato alla casa della salute di Pontecorvo. Una iniziativa importante che vede il coinvolgimento dei cittadini che, in questo modo, voglio abbattere le liste d’attesa dando la possibilità a tutti di poter eseguire gli accertamenti in tempi rapidi.

Ma questa non è la prima volta che i privati cittadini entrano in campo per soccorrere una sanità pubblica spesso in “codice rosso”. Nei mesi scorsi, infatti, fu acquistato un cicloergometro con fondi raccolti dal comitato spontaneo retto da Lucia Paliotta e Rosina Pagliarini con il sostegno dell’amministrazione comunale del sindaco Anselmo Rotondo e dell’assessore alla sanità Gianluca Narducci. Fondamentale fu il contributo dei medico di famiglia e dei tanti commercianti che hanno aderito al progetto.

Un macchinario che è stato consegnato alla casa della salute di Pontecorvo dove si trova e sta funzionando garantendo un importante e fondamentale servizio per tutto il territorio. Ora la maratona di solidarietà è ricominciata e già in tanti hanno deciso di partecipare dando il loro importante e fondamentale contributo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400