Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Domenica 04 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Entrano dalla finestra, si chiudono in casa e la devastano

La zona di via Selva Piana, dove è stato messo a segno il colpo

0

Entrano dalla finestra, si chiudono in casa e la devastano

San Giovanni Incarico

Furto in un’abitazione di campagna. Messa a soqquadro la casa e distrutti quadri, mobili e suppellettili. I ladri hanno agito in pieno giorno approfittando dell’assenza dei proprietari. Il furto è stato messo a segno lunedì scorso, in zona via Selva Piana.
I ladri si sono introdotti nell’abitazione, non protetta da recinzione, né da sistema di allarme, attraverso la finestra del bagno sita sul retro della casa. Hanno chiuso tutte persiane, acceso le luci e iniziato a frugare, ma con grande foga barbarica.

Hanno gettato a terra cassetti, biancheria, aperto gli armadi, sparso ovunque tutto ciò che si trovavano davanti, hanno letteralmente distrutto l’abitazione, devastando tutte le stanze, fatta eccezione della cucina e dei servizi dove non hanno rovistato. In cucina però hanno bivaccato. Hanno portato oggetti in oro e denaro, di fatto sono riusciti a trovare tutti i gioielli di casa, non di grandissimo valore, ma importanti per i proprietari in termini affettivi.

Amara la sorpresa per la padrona di casa al rientro: l’abitazione totalmente devastata, gravi danni, violata l’intimità della casa. I ladri, infatti, dopo aver gettato a terra biancheria, vestiti, asciugami... hanno calpestato tutto, hanno rotto i quadri, buttato a terra i cassetti. La banda ha agito indisturbata per l’intera mattinata, non è escluso dunque che avesse osservato le abitudini della famiglia, per cui sapeva di poter operare in tranquillità per ore.

Chiaramente l’obiettivo era vulnerabile perché non protetto, ma in ogni caso neppure una recinzione o inferriate alle finestre avrebbero fermato i malintenzionati che hanno agito con estrema determinazione e violenza. Immaginabile lo stato della famiglia colpita dal furto: sconforto e dolore, prima, rabbia dopo.

È terribile vedere vanificati in un attimo i frutti dei propri sacrifici, ritrovarsi privati di oggetti e ricordi dei propri affetti, sentirsi violati e soprattutto calpestati nella propria sfera intima, quasi con cattiveria e vandalismo, constatare che chi è entrato si è seduto anche a tavola a mangiare, come fosse un “ospite”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400