Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Mercoledì 07 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Operai “precettati” per le pulizie
0

Operai “precettati” per le pulizie

Ceccano

Chi deve pulire gli uffici comunali? Questa è la domanda che, probabilmente, si è posta l’amministrazione Caligiore a fine luglio. Ieri è arrivata la risposta. A nove dipendenti comunali, inquadrati nella categoria A2, è stata recapitata una lettera in cui si legge, tra l’altro: «Con decorrenza 7 settembre e fino a nuovo ordine, effettuino oltre alle mansioni attualmente svolte, per una parte dell’orario d’obbligo, anche il servizio di pulizia dei locali comunali».

I fatti

Il 29 luglio scorso, a firma della responsabile del I Settore, Diana D’Amico, è stato pubblicato un avviso di mobilità interna rivolto al personale dipendente in servizio a tempo indeterminato di categoria professionale A (operaio) da assegnare alla pulizia degli uffici comunali. Al momento gli operaisono così impiegati: cinque alla nettezza urbana, due al cimitero e i restanti agli spazi verdi e pista di atletica. L’avviso è rimasto pubblicato sull’albo pretorio fino al 5 agosto, ma nessuno dei dipendenti ha presentato domanda.

È stato a questo punto che l’amministrazione, che pure starebbe valutando una turnazione tra gli operai, li ha “precettati”. Il 5 settembre ci sarà una riunione presso gli uffici competenti per pianificare il lavoro e il 7 tutti con la ramazza in mano.

Fatti salvi i diritti dei lavoratori, un’amministrazione che paga loro lo stipendio può decidere come impiegarli oppure no? Per il consigliere di Urd Manuela Maliziola, no. È lei a farsi portavoce del “disagio”di questi lavoratori: «Con tale provvedimento il sindaco, ancora una volta, ha dimostrato scarsa attenzione ai diritti e alle prerogative dei lavoratori comunali, dimenticando che quest’ultimi non sono alle sue dipendenze. È assurdo che egli consideri i dipendenti, non come persone titolari di diritti, ma come oggetti da spostare a suo piacimento,senza tener conto delle effettive esigenze degli stessi, del loro percorso formativo e lavorativo maturato nel corso degli anni presso il nostro ente - dice tra l’altro il consigliere Maliziola - Pertanto, non si può svilire il loro operato quotidiano con una semplice missiva, senza essersi confrontati prima con gli stessi e aver allargato la discussione nelle apposite commissioni consiliari alla presenza anche delle forze politiche di opposizione. Auspico che Caligiore, ritorni sui suoi passi cercando una soluzione diversa al problema delle pulizie dei palazzi comunali, facendo prevalere più il buon senso e la democrazia che l’autorità e il rigore che sta contrassegnando, in maniera sempre più marcata, il suo mandato».

La mossa di Caligiore rappresenta, dunque, un sopruso o la fine di piccoli posizioni di rendita all’interno del Palazzo? Vedremo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400