Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Sabato 03 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Arretrati mai visti e niente contratto.  Sciopero alle grotte

Lo striscione affisso dai lavoratori delle grotte per lo sciopero di qualche mese fa

0

Arretrati mai visti e niente contratto. Sciopero alle grotte

Pastena

Incrociano le braccia i dipendenti delle grotte. Oggi la prima giornata di sciopero che proseguirà ogni sabato e domenica di luglio e dal primo al 16 agosto. Protestano per i mancati pagamenti di quattro mensilità del 2016 e l'irrisolta posizione lavorativa. In effetti i lavoratori non hanno percepito tutte le retribuzioni dovute ed il passaggio all’ente Parco non si è ancora concretizzato. “Ci ritroviamo in una condizione immutata, con tante promesse, con atti formali, ma di fatto dobbiamo ancora percepire quattro stipendi e non abbiamo firmato alcun contratto con il Parco dei Monti Ausoni - spiegano i dipendenti - Siamo amareggiati e preoccupati per il nostro futuro che continua a rimanere incerto”.

Parlano nove degli undici dipendenti delle grotte che più volte hanno creduto alle promesse e hanno sperato di essere definitivamente stabilizzati e retribuiti, ma oggi sono confusi da segnali positivi che non hanno avuto seguito, fatto che li destabilizza e mette in discussione ogni certezza per le loro famiglie. Vacillano i progetti futuri, barcolla la stabilità e ogni input positivo diventa incertezza. Comprensibile la loro rabbia visto che la Regione stanzia i fondi, decide il passaggio al Parco, ma i lavoratori continuano a non vedere gli arretrati e a non firmare alcun contratto con l’ente Parco.

Una situazione che si trascina ormai da anni al punto che i dipendenti, esasperati, hanno deciso di bloccare l'attività turistica con lo sciopero. Interruzioni ripetute organizzate nei giorni di maggiore afflusso proprio per rimarcare l’importanza del loro lavoro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400