Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Sabato 10 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Crolla un tetto. Il centro storico continua a cadere a pezzi
0

Crolla un tetto. Il centro storico continua a cadere a pezzi

M.S.G. Campano

Nuovo crollo di tetti in pieno centro storico. Il borgo ormai in gran parte disabitato continua a sgretolarsi giorno dopo giorno sotto gli occhi impotenti di amministratori e residenti. Le vecchie case cadono a pezzi e dei cocci nessuno sembra preoccuparsi. Il crollo è avvenuto domenica, causato quasi probabilmente dalla pioggia incessante che non per tutto il giorno non ha dato tregua. Un rumore sordo aveva già svegliato gli abitanti della zona un paio di mesi fa, quando ad implodere furono le prime tegole della vecchia casa situata al numero civico 20, ormai disabitata da anni.

Quello fu solo l’inizio. Ieri l’ennesimo crollo che ha lasciato l’abitazione completamente senzatetto. La caduta improvvisa e violenta del soffitto ha fortunatamente evitato che tutto il materiale edile finisse in strade, con conseguenze ben più gravi. La pericolosità di quel tetto, dal quale per tutto l’inverno erano già caduti pezzi di cornicione, era stata più volte segnalata. Il rischio è che ora venga giù l’intero edificio e che le case vicine subiscano lesioni. «Molte abitazioni sono ormai disabitate e ridotte a vecchi ruderi – commentano i residenti, tra i quali l’attivista Fare Verde Marco Belli – Questi crolli sono postumi a quelli di casa Mancini che affaccia direttamente sul multipiano e a quello di via Roma».

Quello di ieri non è un caso isolato. L’incuria e l’indifferenza stanno mettendo a rischio l’incolumità dei cittadini. Sempre in via Santa Giusta un pezzo di cornicione cadendo aveva ferito un passante tanto da rendere necessario l’intervento dei Vigili del fuoco. Proprio l’associazione Fare Verde si è già rivolta al Genio civile segnalando la situazione. «I crolli di cornicioni e tegole sono all’ordine del giorno – ha riferito il responsabile locale dell’associazione - Se non si prendono provvedimenti seri, rischiamo di rimanere sepolti sotto le macerie».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400