Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Venerdì 09 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









La proposta choc del sindaco Renato Rea
«Se pesiamo sul Lazio andiamo con l'Abruzzo»

Il sindaco di Arpino Reanto Rea

0

La proposta choc del sindaco Renato Rea
«Se pesiamo sul Lazio andiamo con l'Abruzzo»

Arpino

Se lo Stato taglia, Arpino prova a cucire... con l’Abruzzo.

La proposta il sindaco della città di Cicerone, Renato Rea, l’aveva lanciata nel corso di un intervento pro ospedale SS. Trinità di Sora. Ma adesso, il primo cittadino ha deciso di passare direttamente ai fatti.
Se per il Lazio il territorio Sora-Valle del Liri e Valle di Comino è un peso, allora, in ossequio al riordino, meglio andarsene con la vicina Abruzzo. Naturalmente come primo atto da mettere in campo c’è quello di indire un referendum per sentire il parere dei cittadini. E Rea è seriamente intenzionato a farlo.
Intanto, facendo seguito a quanto detto, qualche giorno fa il primo cittadino arpinate ha incontrato il sindaco di Avezzano e presidente dei comuni della Marsica, Giovanni Di Pangrazio, per discutere in merito alle questioni relative al riordino delle Regioni e sulla fattibilità di dare vita ad un referendum in tal senso.
«Premetto che personalmente sono per l’abolizione, dal punto di vista amministrativo, delle Regioni e per un rafforzamento delle Province - ha dichiarato Rea - ma prendo atto che l’orientamento del nostro legislatore è nel senso diametralmente opposto. Visto che si sta discutendo della riorganizzazione territoriale delle Regioni, ritengo che basterebbe staccare amministrativamente Roma dalle province di Frosinone, Latina, Rieti e Viterbo, perché oggi la capitale assorbe la gran parte delle risorse della Regione Lazio, e lasciare per il resto le cose come stanno. Invece si profila all'orizzonte l’istituzione dell'ente "Roma Capitale" e la frantumazione della Regione Lazio con l'accorpamento delle province di Viterbo e Rieti con la Toscana, mentre le province di Latina e Frosinone andrebbero a formare con le province della Regione Campania una non meglio definita “Regione Tirrenica”. A questo punto, - prosegue Rea - visto che la Regione Lazio verrebbe smantellata, penso che dobbiamo essere noi cittadini a decidere con chi andare e non subire decisioni dall’alto. Io non ci sto ad assistere allo smantellamento del Lazio per vedermi accorpare ad altre regioni senza che i cittadini abbiano espresso il loro giudizio. In questa ottica ho incontrato il sindaco di Avezzano per comunicargli l’intenzione di indire un referendum, naturalmente dopo aver ascoltato il parere degli altri sindaci del nostro territorio, cosa che mi accingo a fare prossimamente».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400