Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Sabato 03 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Svaligiano l'istituto mentre le suore sono a cena

Istituto delle Figlie di Nostra Signora al Monte Calvario

0

Appello al papa per la scuola: l’immobile che ospita i bambini è finito all’asta

Pontecorvo

Oltre 150 anni di storia di Pontecorvo che rischiano di essere cancellati. Un servizio di primissimo piano che ha permesso a intere generazioni di ricevere una educazione e una istruzione di grande spessore che potrebbe cessare le sue attività.

La notizia della messa all’asta dell’istituto delle Figlie di Nostra Signora al Monte Calvario continua a far discutere in città. Tante le prese di posizione dei cittadini che invocano un intervento anche da parte delle istituzioni per tentare di scongiurare questo ennesimo depauperamento del territorio. E i genitori dei bambini attualmente iscritti all’istituto sono decisi a dare battaglia, proprio per questo motivo alcuni di loro stanno pensando di scrivere una lettera-appello a Papa Francesco che si è sempre dimostrato molto sensibile in queste situazioni.

La “bomba” è esplosa giovedì sera con una serie di messaggi scambiati su whatsapp che annunciavano che l’istituto delle Figlie di Nostra Signora al Monte Calvario era finito all’asta giudiziaria. Messaggio cui nessuno voleva credere. Purtroppo, però, la realtà dei fatti ha investito come un treno in corsa la comunità pontecorvese che nella giornata di venerdì ha scoperto che quanto annunciato corrispondeva al vero.

La struttura di via XXIV Maggio è finita all’asta giudiziaria insieme ad altri beni sparsi sul territorio nazionale riconducibili alla congregazione. Il perché di un simile atto è spiegato dai numerosi debiti che le Figlie di Nostra Signora al Monte Calvario hanno accumulato a livello nazionale, e non locale, e che hanno portato a questo triste epilogo.

La base d’asta è stata fissata in un milione e 100 mila euro e la prima seduta è andata deserta. Ora tutti temono per la prossima seduta dell’asta pubblica che potrebbe portare brutte sorprese. Intanto la mobilitazione in città è notevole.

Tra i pontecorvesi è stato ritrovato un senso di appartenenza di voglia di combattere. Nelle piazze come nei social network in tanti propongono di organizzarsi per cercare soluzioni alternative e garantire il prosieguo di un servizio, quello della scuola materna, presente in città sin dal 1858. Si stanno organizzando anche i genitori dei bambini che attualmente frequentano l’istituto. Proprio alcuni di loro hanno deciso di scrivere una lettera-appello da indirizzare a Papa Francesco chiedendo un suo intervento per risolvere la questione. Tentativi, azioni e voglia di combattere per tutelare una realtà storia presente a Pontecorvo da ben centocinquantotto anni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400