Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Venerdì 09 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Frosinone, litigio  tra Diakité e Stellone:  scoppia il caso

Il giocatore francese Diakité

0

Frosinone, litigio tra Diakité
e Stellone: scoppia il caso

Serie A

Vincere aiuta a vincere. Ma anche a mantenere tranquillo qualsiasi tipo di spogliatoio. Soprattutto quando ci sono calciatori che, quasi sempre perché impiegati meno di altri compagni, potrebbero storcere il muso. Se, però, i successi stentato ad arrivare, allora può succedere l’esatto contrario. Una piccola scintilla che rischia di far aprire un caso. E questo è quanto sembra stia accadendo in casa Frosinone.

La pesante batosta subita dai canarini contro il Napoli, che ha fatto seguito a un periodo molto negativo sotto il profilo dei risultati per la squadra di Roberto Stellone (un punto nelle ultime cinque partite), avrebbe creato tensioni nello spogliatoio della squadra giallazzurra. Secondo alcune voci, nella consueta riunione tecnica del giorno seguente all’incontro ufficiale, i toni del dibattito tra mister Stellone e un suo calciatore, Modibo Diakité, si sarebbero alzati oltre il consentito.

L’allenatore, dopo la disamina della batosta rimediata contro la squadra di Sarri, avrebbe chiesto ai suoi ragazzi di esporre le loro considerazioni. A quel punto avrebbe preso la parola il difensore centrale che si sarebbe risentito dei troppi stravolgimenti di formazione da parte dell’allenatore da una partita all’altra (perché, ad esempio, aveva lasciato in panchina Tonev e Chibsah che contro il Sassuolo quattro giorni prima della sfida con il Napoli avevano dato vita a una prestazione molto positiva?) e, soprattutto, per quale motivo si andava avanti con un turn over che mai aveva dato frutti, nonostante il Frosinone in questa stagione non avesse altri obiettivi da perseguire (Coppe Europee o Coppa Italia) se non la salvezza. A quel punto Stellone si sarebbe risentito e i toni alzati di parecchio.

Per molti si tratterebbe soltanto della classica goccia che ha fatto traboccare il vaso. O meglio Diakité già nell’intervallo della sfida di Firenze e al termine della partita contro l’Inter, avrebbe “sbottato”, gridando che era stanco di figuracce del genere. Nel primo caso, ossia nello spogliatoi del “Franchi” tra primo e secondo tempo, Stellone avrebbe anche risposto per le rime ribattendo al suo difensore che tre dei quattro colpi erano arrivati per suoi errori. Di tutto ciò la società non ha fatto trapelare nulla. Ma che qualcosa di pesante tra Stellone e Diakitè sia accaduto, lo si può intuire dal fatto che martedì il giocatore non si è allenato per uno “strano” permesso mentre ieri, dopo aver partecipato al mattino alla seduta atletica, nel pomeriggio non avrebbe partecipato a quella basata sulla tattica in preparazione alla sfida di sabato pomeriggio all’Olimpico di Torino contro la formazione di Ventura.

La speranza, a questo punto, per il bene del Frosinone calcio e di chi, come noi, crede ancora nel miracolo della salvezza, è che il presidente Stirpe e i suoi più stretti collaboratori facciano chiarezza sull’accaduto e, se possibile, riescano a ricucire lo strappo tra allenatore e giocatore. Se poi tutto ciò non sarà più possibile, allora sarebbe il caso di prendere provvedimenti immediati verso entrambi, per salvaguardare la compattezza di uno spogliatoio che fino a qualche settimana fa, e da molto tempo a questa parte, aveva rappresentato la più grande forza del miracolo Frosinone. Il “giocattolo” non può certo essere rotto per lo sfogo di un calciatore. O per la suscettibilità di un allenatore.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400