Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Martedì 06 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Record di nuove causeiscritte al tribunale di Frosinone

Il tribunale di Frosinone

0

Abbandona il suo bimbo down: indagato un imprenditore 33enne

Frosinone

Vive con la madre perché il padre di lui non vuol sapere più niente. Antonio (nome di fantasia a tutela della privacy del minore) è un bambino di due anni e mezzo ed è affetto dalla sindrome di down. Vive a Frosinone circondato dall’affetto della famiglia della madre. È bisognoso di attenzioni e di cure e la mamma, da sola, rischia di non farcela più. Una situazione che è finita alle orecchie degli assistenti sociali che hanno segnalato il caso in Procura.

È partita un’indagine che ora è stata chiusa. Il genitore del bambino, un imprenditore di Frosinone di 33 anni è stato iscritto nel registro degli indagati con le accuse di abbandono di minore e violazione degli obblighi di assistenza familiare. A lui è stato notificato un avviso di conclusione delle indagini preliminari. Il genitore rischia pertanto di finire sotto processo se le accuse dovessero reggere al vaglio del giudice per le udienze preliminari.

La madre per tutelare non tanto i suoi diritti, quanto quelli del minore si è rivolta all’avvocato Giampiero Vellucci che sta seguendo il caso. Dopo la nascita del figlio, la coppia ha cominciato ad avere seri problemi. Forse - è l’accusa che viene mossa al genitore - il padre, che pure aveva riconosciuto il bimbo che ora porta il suo cognome, forse si vergognava della condizione del suo bambino. Così ha abbandonato il piccolo, la compagna, impiegata di un ufficio pubblico del capoluogo, e si è rifatto una vita con una nuova donna. Ma da allora, da quando il bimbo aveva sei mesi di età ha tagliato tutti i ponti con il ragazzino. Non l’ha mai visto - accusa la madre - e non contribuisce al suo mantenimento.

Una situazione a lungo sopportata, seppur malvolentieri, dalla donna che alla fine non ce l’ha fatta più. Si è fatta consigliare, si è rivolta a un legale. E ha segnalato il caso a chi di dovere. Tanto più che si trova costretta a sostenere, unicamente con il proprio stipendio, le costose spese sanitarie per il minore. Da lì sono partite le indagini che hanno portato il genitore a dover rispondere delle accuse di abbandono di minore e violazione degli obblighi di assistenza familiare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400