Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Sabato 10 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Incidente sulla pista da cross: segni di risveglio dal coma

Un concorrente impegnato in una gara di motocross

0

Incidente sulla pista da cross: segni di risveglio dal coma

Ceprano

Giovane centauro cade in pista con la moto da cross ed è in coma farmacologico ormai dal 20 dicembre scorso. Le ultime notizie però sono confortanti: sembra che abbia superato la fase critica e che si stia lentamente riprendendo. A.L., 22 anni di Ceprano, appassionato di moto, ha sfiorato la morte nella tarda mattinata di domenica 20 dicembre, quando in sella alla sua adorata due ruote correva su una pista di Vallecorsa. Il cross, uno sport pericoloso, ma una passione irrinunciabile per il 22enne che, nonostante il grave incidente in cui era rimasto coinvolto sei mesi prima ed a causa del quale gli era stato asportato un rene, è tornato in pista con coraggio.

Purtroppo però la corsa del 20 dicembre ha segnato nuovamente la sua vita riportandolo in un letto d'ospedale, quello di Latina, dove è stato indotto in coma farmacologico. Giorni e giorni di terapia intensiva, ora i primi segnali di risveglio, la riduzione delle dosi dei farmaci e le risposte positive agli stimoli.

A.L. è cresciuto sulle due ruote, non appena ha potuto guidare uno scooter ha iniziato, poi è passato alle cilindrate superiori e successivamente al cross che lo ha visto impegnato anche in competizioni sportive. Una passione forte che non lo ha fermato neppure dopo il brutto incidente che gli è costato caro, dopo sei mesi infatti è tornato in pista.

Il 20 dicembre scorso era montato in sella alla sua moto, un mezzo custodito con cura e mantenuto con grande attenzione, purtroppo però un'altra brutta caduta, con un forte trauma alla testa, il trasferimento a Latina dove ad oggi è ricoverato, ma fuori pericolo di vita.

Sono in apprensione per lui i suoi amici; i più cari il 24 dicembre sono stati a casa sua, dalla sua famiglia, per testimoniare il loro affetto e far sentire la loro presenza forte. Ancora non possono andare a trovarlo in ospedale, ma prestissimo lo raggiungeranno per stringerlo, magari sperando che dopo questa seconda brutta esperienza rinunci all'adorata moto evitando nuovi rischi di incidente.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400