Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Domenica 04 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Parte la corsa ai saldi invernali: i consigli
0

Parte la corsa ai saldi invernali:
i consigli "anti fregature"

Frosinone

Partiti il 2 gennaio in Sicilia, Campania, Basilicata e Valle d’Aosta, da oggi i saldi invernali coinvolgeranno tutto il Paese fino a febbraio-marzo. Dopodiché si inizieranno a vedere nelle vetrine le collezioni primavera-estate. Terminato lo shopping natalizio, quindi, nei prossimi mesi i cittadini saranno alle prese con le vendite di fine stagione, che daranno la possibilità di acquistare merce con sconti fino al 40%. Confesercenti Frosinone prevede che ogni famiglia spenderà in media circa 350 euro.

«Sotto le feste - dichiara il presidente Fiorino Tolassi - non si è andati oltre i 150 euro e le compere si sono concentrare soprattutto nel settore della gastronomia, uno dei pochi che è riuscito a fra fronte alla crisi, con la scelta di prodotti locali. Per tutto il resto, si è invece preferito attendere, considerato che a distanza di qualche giorno ci sarebbe stata l’opportunità di fare il vero affare». Ma quali saranno i negozi più visitati dai ciociari? Confesercenti non ha dubbi: quelli che vendono abbigliamento e calzature.

«Si punteranno i grandi marchi, le griffe che, solo in questo periodo dell’anno, diventano accessibili - dice Tolassi - Pensiamo ad un cappotto dal costo di 300 euro che potrà essere portato a casa con 180-200 euro. Stessa cosa dicasi per le scarpe. Saranno in molti a fare una specie di investimento, preferendo la qualità alla quantità». Il presidente Tolassi dà poi qualche dritta su come comportarsi per non incappare in falsi saldi: «La percentuale di sconto non dovrebbe mai andare oltre il 40% perché altrimenti la merce potrebbe non essere dell’ultima collezione. Ecco perché raccomandiamo sempre di confrontare il prezzo iniziale con quello scontato».

I consigli “anti fregature”

Il Codacons consiglia di conservare sempre lo scontrino: non è vero che i capi in svendita non si possono cambiare; è importante nei giorni che precedono i saldi andare nei negozi a cercare quello che interessa, segnandone il prezzo; si può così verificare l’effettività dello sconto praticato ed andare a colpo sicuro, evitando inutili code; non acquistare nei negozi che non espongono il cartellino che indica il vecchio prezzo, quello nuovo ed il valore percentuale dello sconto applicato.

Il prezzo deve essere inoltre esposto in modo chiaro e ben leggibile. Controllare che fra la merce in saldo non ce ne sia di nuova a prezzo pieno. La merce in saldo deve essere separata in modo chiaro dalla “nuova”; per la prova dei capi non c’è l’obbligo. È rimesso alla discrezionalità del negoziante. Il consiglio è comunque di diffidare dei capi di abbigliamento che possono essere solo guardati; nei negozi che espongono in vetrina l’adesivo della carta di credito o del bancomat, il commerciante è obbligato ad accettare queste forme di pagamento anche per i saldi, senza oneri aggiuntivi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400