Domani pomeriggio, alle 16.30, presso il monumento ai caduti di Villa Santo Stefano verrà inaugurata un’opera dedicata alle vittime, donne ma anche uomini e bambini, delle cosiddette “marocchinate”. “Tormento” è il titolo dell’opera realizzata dal maestro Giuliano Giuliani, un bassorilievo in terracotta incastonato in una pietra locale, che rappresenta il volto di una donna anziana che ancora si copre il volto nel ricordare. Il riferimento è agli stupri di massa compiuti dai goumier del corpo di spedizione francese subito dopo lo sfondamento della Gustav. Anche Villa Santo Stefano porta le ferite insanabili di quelle brutalità cadute nell’oblio per 70 anni. Dopo l’inaugurazione, si terrà il concerto del gruppo “Il Giardino della Pietra Fiorita di Coreno Ausonio”. L’iniziativa, finanziata dalla Regione, è curata dall’assessore alla cultura Franca Colonia.

(Servizio sull'edizione del 27 dicembre)