Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Sabato 03 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Bruognolo e il mistero della calibro 22 illegale per dire addio ad Annachiara
0

Bruognolo e il mistero della calibro 22 illegale per dire addio ad Annachiara

San Giorgio a Liri

La richiesta per il porto d’armi a fini sportivi l’aveva già presentata il 9 novembre. Una richiesta che gli agenti del Commissariato di Cassino, per valutazioni squisitamente tecniche, avevano respinto. Ma non sembrerebbe essere bastato al venticinquenne per fare un passo indietro. Forse Graziano Bruognolo, incensurato, senza grilli per la testa, lavoratore ineguagliabile - che dopo la morte dell’amato padre aveva portato avanti l’attività di famiglia con onore e sacrificio - probabilmente non avrebbe mai pensato di accostarsi al mercato nero. Perché quella pistola con cui farla finita, con cui mettere a tacere quel dolore che non gli lasciava più neanche il fiato in gola, avrebbe voluto possederla regolarmente. Quel rifiuto da parte della polizia, però, nonostante i suoi solidi principi non lo ha fermato.

Ed è arrivata una calibro22 irregolare a sistemare le cose. Quando qualcuno gliel’ha proposta, senza troppe spiegazioni su come era saltata fuori e da chi, forse avrà tentennato. Forse Graziano, lui che con le regole non aveva mai avuto problemi, avrà avuto paura persino di prenderla in mano. Ma la tentazione era divenuta ben altro. E la necessità di arrivare insieme alla fine, forse, ha superato ogni remora. Un’automatica dalla matricola abrasa poteva fare al caso s uo e, purtroppo, è servita a strappargli il sorriso e a ferire in modo gravissimo colei che aveva amato sopra ogni cosa.

Gli inquirenti sono ora sulle tracce di chi ha venduto o ceduto a Graziano quell’arma. Di certo non un rivenditore ufficiale: una calibro 22 illegale può saltare fuori solo dal mercato nero. Ma quale? Un sottobosco locale fatto di ricettatori e loschi faccendieri in grado di mettere sul tavolo armi di dubbia provenienza in ogni momento? O il mercato, facilmente raggiungibile, gestito dalla criminalità del vicino Napoletano? Bocche cucite sugli sviluppi dell’attività inquirente coordinate dalla dottoressa Beatrice Siravo. Ma la strada percorsa è proprio quella che porta dritta a chi ha consegnato l’arma nelle mani del giovane innamorato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400