Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Lunedì 05 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Riemergono antiche ossa umane da uno scavo vicino alla rotatoria del casello A1
0

Riemergono antiche ossa umane da uno scavo vicino alla rotatoria del casello A1

Riemergono i resti di uno scheletro umano in prossimità del casello autostradale di Ceprano. Il ritrovamento è stato effettuato tempo fa durante lavori di risistemazione dell'area della rotatoria che regola i mezzi in entrata e in uscita dall'autostrada ed in transito sulla provinciale Caragno. I resti rinvenuti sono stati segnalati, ricoperti e ieri la Provincia ha mandato una squadra di operai a rimuovere la terra per riportare alla luce le ossa umane e consentire l'intervento dell'archeologo mandato dalla Sovrintendenza.

Interessanti le tracce dello scheletro nella terra: la sagoma è ben visibile insieme ai denti e alle vertebre. L'area sottoposta ad osservazione è di circa due metri quadrati. Lo scavo è più ampio, ma al momento il ritrovamento pare isolato. Quello che un tempo è stato il corpo di un uomo vissuto chissà quando non era sepolto in una tomba ma nella terra, forse portato dalle acque o volutamente seppellito direttamente in quel punto. Troppo presto per formulare ipotesi che potranno essere comprovate solo all’esito delle analisi che consentiranno anche la datazione dei reperti. L'area in cui è avvenuto il ritrovamento non è classificata come archeologica. Ma tutta la zona di Ceprano è ricca di reperti.

Nel 2005, presso il cantiere per la realizzazione del nuovo svincolo autostradale, durante i lavori di sbancamento di un terreno agricolo adiacente alla sede viaria, furono rinvenuti frammenti ceramici e di laterizio, sparsi su una vasta area e una porzione di struttura muraria con pietre sovrapposte a secco. Invece, in prossimità della stessa area compresa tra l’asse autostradale e la via Caragno, in località Sterpara, durante i lavori di ricollocazione delle linee telefoniche emerse un allineamento regolare di blocchi tale da far pensare a una sede stradale. I lavori furono sospesi, ma poco dopo ripresero e vennero ultimati.

Il territorio di Ceprano nasconde ricchezze inestimabili, a cominciare dai resti dell'antica colonia romana di Fregellae e da “Argil”, il più antico fossile umano italiano, ma anche insediamenti preistorici. Appena un mese fa, in occasione dello scavo per la realizzazione del metanodotto, sono state rinvenute due tombe.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400