Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Sabato 03 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Rifiuti, la protesta di CasaPound: sacchi d'immondizia all'ingresso del Comune
0

Rifiuti, la protesta di CasaPound: sacchi d'immondizia all'ingresso del Comune

Anagni

Sacchi di rifiuti abbandonati all’ingresso del palazzo comunale con tanto di striscione di contestazione in cui si scambia palazzo d’Iseo per una discarica. È lo spettacolo che i dipendenti comunali hanno trovato sotto i loro occhi all’aperura degli uffici ieri mattina. L’iniziativa sarcastica reca la firma di Casapound. I componenti della sezioni di Anagni rivendicano questa azione dimostrativa esprimendo una manifestazione di dissenso nei confronti del nuovo programma di raccolta differenziata, la cui presentazione avverrà lunedì pomeriggio a palazzo D’Iseo, e non solo, rivolgono accuse durissime agli amministratori.

«Abbiamo deposto dei sacchi della spazzatura davanti all'entrata del comune di Anagni - afferma in una nota Valeriano Tasca di Casapound - insieme allo striscione che recita: È questa la discarica si? per esprimere il dissenso di molti cittadini vittime di un sistema di raccolta differenziata assurdo e costoso e senza senso». Portavoce di una minoranza politica il gruppo di estrema destra contesta modalità e tariffe della differenziata. «Ci vogliono far credere che grazie a questo sistema si continuerà a differenziare per il meglio sparando cifre che servono solo a far bello il comune e la ditta – continua Tasca - ma che non sta portando alcun vantaggio ai cittadini. Addirittura si obbligano i cittadini della zona 3 a fare il compost, mentre si vedono attuare una diminuzione del servizio perché a questi verranno fornite le compostiere, e quindi non gli verrà più ritirato l'umido senza nemmeno che ci sia una diminuzione della Tari. Ma veramente pensate che tutti quelli della zona 3 abbiano il tempo di fare il compost? Ma chi glielo ha chiesto se vogliono farlo?».

Sui rifiuti i membri di Casapound non fanno sconti a nessuno e bacchettano la giunta Bassetta. «Ma non era Bassetta – conclude Valeriano Tasca - che parlava di referendum per la partecipazione cittadina alla scelte amministrative? La verità è che la città è sporca perché il servizio non funziona, e lo vediamo tutti i giorni con l'indegno spettacolo dell'immondizia lasciata per le strade del centro storico in bella evidenza, come anche le vie delle periferie. Altro che rilancio dell'immagine della città».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400