Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Sabato 10 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Centauro muore al ritorno da una gita in moto. Violento impatto in curva

La curva teatro dell'incidente mortale

0

Meccanico muore a Terracina dopo una gita in moto. Violento impatto in curva

Frosinone

Schianto in curva, motociclista di Frosinone muore a Terracina. La tragedia è avvenuta ieri pomeriggio, poco dopo le 18, lungo la variante che conduce sull’Appia. La vittima è Pietro Cioè, 58 anni di Frosinone. Il centauro, come era suo solito, approfittando della bella giornata, insieme ad altri motociclisti aveva deciso di fare una gita sul litorale pontino a bordo della sua inseparabile Moto Guzzi rossa 1100.

Sulla strada del ritorno, però, è arrivata la tragedia. Subito dopo aver percorso il rettilineo in uscita dalle gallerie, il cinquantottenne si è staccato dal gruppo. All’altezza della curva non si sa bene cosa sia successo. L’uomo, con tutta probabilità, ha perso il controllo della moto finendo contro il guard rail. L’impatto deve essere stato molto violento. La moto, infatti, è stata trovata a circa duecento metri dal punto dell’impatto.

La dinamica non è chiara. Su un fatto però non c’è dubbio: l’incidente non ha visto coinvolti altri mezzi, il centauro ha fatto tutto da solo. La curva in cui è avvenuto l’incidente è quasi a gomito, un tratto molto ostico. Non è escluso che la scarsa visibilità, la stanchezza dopo una giornata trascorsa sulla moto ma anche il manto stradale leggermente bagnato e l’umidità possano essere stati fatali anche per un motociclista esperto come la vittima. A trovarlo disteso sull’asfalto, privo di sensi, sono stati proprio gli amici che hanno allertato subito i soccorsi. Sul posto è arrivata un’ambulanza del 118 che, viste le condizioni gravi del centauro, lo ha subito trasportato al vicino ospedale “Alfredo Fiorini” di Terracina.

I medici dell’ospedale pontino hanno tentato il tutto per tutto, ma non c’è stato nulla da fare. Poco prima delle 19, i sanitari non hanno potuto fare altro che constatare il decesso. A chiarire meglio la dinamica dell’incidente saranno gli esiti dei rilievi condotti dalla polizia locale di Terracina. Choc e sconcerto tra gli amici motociclisti che, dopo una giornata spensierata, si sono trovati di fronte alla tragedia. Pietro Cioè, appassionato di moto, era proprietario di un’officina in via Tiburtina.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400