Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Mercoledì 07 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Tenta di suicidarsi buttandosi dal ponte Salvato in extremis da un poliziotto
0

Tenta di suicidarsi buttandosi dal ponte
Salvato in extremis da un poliziotto

Broccostella

Tenta di suicidarsi, salvato in extremis da un poliziotto eroe che si è trovato a passare per puro caso e che ha rischiato addirittura di cadere giù, trascinato dal peso dell’altro. E’ accaduto alle 12 di ieri in località San Martino a Broccostella, sul ponte sul fiume Fibreno. L’uomo che voleva farla finita, e che è stato soccorso, è un 44enne di Sora. Il poliziotto è l’assistente capo Davide Fabrizi, 43enne originario di Broccostella e residente a Frosinone, che presta servizio a Roma presso il Commissariato Trevi Campo Marzio e che ieri era libero dal servizio.

L’uomo era in paese con la famiglia per passare una domenica rilassante a casa dei genitori. Approfittando del bel tempo era andato nel bosco insieme alla figlia in cerca di funghi e anche per fare una bella passeggiata nella natura. Tutto è accaduto mentre stava rientrando per il pranzo.

«Mentre tornavo a casa dei miei genitori insieme alla bambina – racconta il poliziotto – ho notato subito quell’uomo che era già al di là del parapetto del ponte e che stava chiaramente per lanciarsi. Ho tranquillizzato mia figlia dicendole di non spaventarsi per quello che sarebbe successo e mi sono avvicinato senza che l’uomo si accorgesse di me. Appena a distanza giusta mi sono lanciato e l’ho afferrato alla vita con un braccio. Quasi nello stesso momento lo sconosciuto si è dato lo slancio per gettarsi e con il suo peso ha rischiato di trascinarmi con sé. Sono stati attimi di puro terrore in cui ho temuto non solo di non riuscire a tenerlo su, ma anche che mi tirasse giù per i due o tre metri di altezza dal ponte fin dentro il fiume. Nel frattempo mia figlia si è spaventata e ha cominciato a piangere. Ho cominciato a gridare sperando che qualcuno venisse in aiuto e dopo poco, quando la situazione si stava facendo ulteriormente pericolosa, si sono trovati a passare ognuno con la propria auto Francesco La Posta e Patricio Fabian Pisani che sono subito scesi e venuti ad aiutarmi. In tre, infine - conclude l’assistente capo - siamo riusciti a trascinare lo sconosciuto al di qua del parapetto al sicuro e a tenerlo perché anche se parlava con noi continuava sempre a guardare verso la ringhiera. Appena messo l’uomo al sicuro ho allertato il commissariato di Sora e il 118 e sono arrivati tempestivamente».

Il 44enne sorano è stato immediatamente trasportato al Pronto Soccorso dell’ospedale civile di Sora. L’eroico salvatore prima ha fatto tappa in via Firenze a Sora dove ha relazionato l’accaduto ai colleghi e poi si è recato anche lui al pronto soccorso. Al termine dei controlli gli è stata diagnosticata una distrazione della spalla, del gomito e del polso con una prognosi di dieci giorni. All’ospedale c’era anche il 44enne da lui salvato che si è scusato per aver spaventato la piccola. Al poliziotto, che ha rischiato la propria vita, resta la soddisfazione di essersi trovato al posto giusto al momento giusto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400