Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Sabato 03 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Il processo sui veleni è salvo Respinta la richiesta di prescrizione
0

Il processo sui veleni è salvo
Respinta la richiesta di prescrizione

Valle del Sacco

Niente prescrizione per il processo sul disastro ambientale della Valle del Sacco causato sulla contaminazione da Beta-esaclorocicloesano, il fitofarmaco prodotto dalla Caffaro di Colleferro. Il giudice Coderoni del Tribunale di Velletri nell’udienza del 22 ottobre scorso ha respinto le istanze della difesa. A darne notizia è l’associazione “Retuvasa”, che è anche parte civile nel procedimento.

«Questa decisione era auspicabile ma anche piuttosto scontata» scrivono i rappresentanti di Retuvasa. Nella stessa udienza del 22 ottobre, però, è arrivato un altro colpo di scena. I difensori degli imputati hanno presentato una richiesta di incostituzionalità dell’articola della Legge Cirielli che declassificava in termini di prescrizioni alcuni reati, ma che per i reati contestati agli imputati ne raddoppiava i termini. Una modifica, spiega l’associazione Retuvasa, «introdotta nel corso degli ultimi passaggi parlamentari, allo scopo di evitare che con la riforma potessero prescriversi alcuni delitti di notevole rilievo sociale quali ad esempio i disastri, quindi anche quello ambientale».

Tornando al processo sul disastro ambientale della Valle del Sacco, i rappresentanti dell’associazioni ambientalista raccontano che questa ulteriore istanza della difesa «ha gelato l’aula, non tanto per l’ammissibilità quanto per l’improbabile accettazione della stessa, a dimostrazione che si sta in tutti i modi cercando di allungare i tempi per giungere ad una prescrizione per decorrenza dei termini, in vista degli interrogatori degli imputati e della sentenza di primo grado».

Se ne saprà di più nella prossima udienza fissata per il 19 novembre nella quale il giudice si dovrà pronunciare se rigettare la richiesta della difesa oppure rimandare il giudizio di costituzionalità alla Corte Costituzionale. Nell’attesa, l’associazione si dice fiduciosa: «C’è da dire che l’eccezione sollevata potrebbe fare giurisprudenza, ma a parere dei legali dell’accusa che possono presentare memoria fino a dieci giorni prima dell’udienza, non sussistono elementi fondanti affinché venga ammessa, e pertanto il processo deve continuare senza ulteriori interruzioni provocatorie fino al primo grado di giudizio».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400