Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Lunedì 05 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









La sede della Provincia

Il palazzo della Provincia di Frosinone

0

Tassa sui passi carrabili
Pompeo contrattacca

Frosinone

Evitare la prescrizione quinquennale. Questo il motivo che ha spinto il presidente della Provincia Antonio Pompeo a decidere di inviare ventimila cartelle relative al canone per l'occupazione del suolo pubblico. Dice Pompeo: «La realtà è che nel 2010 il tributo non è stato cancellato, ma soltanto sospeso nella riscossione»

«Nell’anno 2010 è stata solamente sospesa la riscossione del dovuto a titolo di Cosap. E’ elementare comprendere che sospendere un canone non equivale ad eliminarlo. Tanto è vero che il residuo di riscossione della Cosap è previsto nei consuntivi 2010 e seguenti approvati dall’amministrazione Iannarilli. La domanda, dunque, sorge spontanea: Iannarilli conosceva i consuntivi che ha approvato? E se li conosceva ed avesse avuto veramente intenzione di eliminare il pagamento, perché lo ha mantenuto nei residui da incassare?». Il presidente della Provincia Antonio Pompeo interviene dopo la decisione di inviare 20.000 cartelle per la riscossione del canone per l'occupazione di suolo pubblico del 2010. Dice Pompeo: «Per la Cosap del 2010, la cui riscossione è stata sospesa cinque anni fa, dunque, gli avvisi devono essere inviati obbligatoriamente entro il 31 dicembre di quest’anno,  per evitare la prescrizione quinquennale. Lo dice semplicemente il Codice Civile. Dunque se non emettessimo oggi gli avvisi per il 2010 sarebbe causato un danno erariale all’ente. Conseguenze che vorrebbe evitare chiunque si trovasse oggi ad amministrare la Provincia. Per quanto riguarda il pagamento, è evidente che la Provincia di Frosinone verrà incontro ai contribuenti, anche con forme di rateizzazione, le più ampie possibili, perché questo è nella nostra facoltà». Aggiunge: «E’ opportuno allora precisare che non sarà richiesto il pagamento per le annualità 2011 e 2012 semplicemente perché sono state eliminate dalle “precedenti” amministrazioni.Viceversa le annualità 2013 e successive, ripristinate dalle “precedenti” amministrazioni, saranno richieste entro i termini di scadenza della prescrizione. Detto ciò ritengo molto importante che venga asserita, in ogni ambito, la verità e non si continui a confondere i cittadini con speculazioni politiche e demagogiche. A nessun amministratore piace inviare tributi ai cittadini ma a nessuno di noi è consentito ignorare le norme».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400