Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Mercoledì 07 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Il Frosinone pranza con la Fiorentina

Massimo Zappino oggi al Franchi sarà titolare

0

Il Frosinone pranza
con la Fiorentina

Frosinone calcio

La prima volta all’ora di pranzo, in un giorno di festa. Ci sono tanti ingredienti per rendere speciale la gara che il Frosinone giocherà stamane al Franchi contro la lanciatissima Fiorentina di Paulo Sousa.
La squadra canarina, che sul campo amico si esprime compiutamente e da qualche giornata vince con una regolarità svizzera (3 i successi di fila di Diakitè e compagni), cerca analoga identità lontano dal Comunale, dove invece finora ha un po’ balbettato, almeno sul piano dei risultati.
Il punto colto allo Juventus Stadium è rimasto solo soletto, sebbene all’Olimpico con la Lazio la squadra di Stellone abbia sfoderato una signora prova, non demeritando poi nemmeno al Friuli di Udine, dove è stato condannato da un calcio franco e malandrino dell’ex di turno, Ciccio Lodi.
Oggi si spera che il copione sia diverso, benché l’avversario si chiami Fiorentina e marci con sicurezza nelle zone altissime della graduatoria.
Le insidie del confronto sono di tutta evidenza, visto il tasso tecnico e la grande sicurezza che la squadra viola riesce ad esibire, specie nelle proprie recite casalinghe.
Il Frosinone però prosegue nel percorso di “apprendimento della massima serie” e con passo sicuro avanza, senza timori reverenziali. E allora oggi potrebbe essere il grande giorno, quello da consegnare agli archivi e alla storia del club.
Per riuscire nella titanica impresa Roberto Stellone dovrebbe completare il tourbillon di cambi nella formazione titolare, consegnando una maglia da titolare a due giocatori che non hanno mai avuto questo privilegio.
Molto probabile infatti che tra i pali possa agire Massimo Zappino, che per il popolo canarino non è soltanto un bravissimo portiere, ma un vero e proprio simbolo, un uomo legato indissolubilmente alle vicende agonistiche del club giallazzurro, sebbene in carriera abbia vestito anche altre maglie.
Tornerà lui, il totem, fors’anche solo per una gara, ma trattandosi di un atleta abituato a lottare per guadagnarsi i galloni da titolare, non è escluso che questa sia solo la prima...
Davanti vedremo invece Daniele Verde, il solo oggetto misterioso, non per sua colpa, per carità, della squadra giallazzurra stagione 2015-16.
Per il piccolo trequartista finora soltanto spiccioli di gara, scampoli di campo che non rendono possibile alcun giudizio.
Oggi Stellone potrebbe dargli la grande chance di mostrare quelle virtù che il giovane napoletano seppe mostrare a tutti gli appassionati del calcio in maglia giallorossa, salvo poi rientrare nei ranghi in omaggio alle gerarchie disegnate dal carisma e dalle posizioni iniziali.
L’ipotesi più gettonata della vigilia prevede che davanti a Zappino possano giostrare, da destra a sinistra, Matteo Ciofani, Diakitè, Bertoncini e Crivello; centrocampo con Paganini e capitan Frara sulle due corsie e la coppia Sammarco - Chibsah a fare da frangiflutti al centro del campo, mentre Verde sarà più o meno in linea con la punta di riferimento, Daniel Ciofani, gigante ora anche nel morale dopo il bel gol che gli ha consentito di inserire finalmente il suo nome tra i marcatori della massima serie.
Una gara di attesa non dovrebbe fornire garanzie di successo, perché lasciare giocare la Fiorentina, con i suoi palleggiatori sopraffini e con gente come Kalinic o Pepito Rossi davanti, non è salutare per nessuna squadra.
Sarà invece opportuno giocarsi le chance con una tattica in qualche modo propositiva, che magari sorprenda i viola. Chi picchia per primo picchia due volte, recita un vecchio adagio bellicoso ma non distante dalla realtà. E allora, forza ragazzi, nulla è impossibile.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400