Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Giovedì 08 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Violenza sessuale nella casa famigliaVia agli interrogatori dei tre minorenni

Foto d'archivio

0

Violenza sessuale nella casa famiglia
Via agli interrogatori dei tre minorenni

Saranno interrogati a fine mese i tre egiziani accusati di aver violentato una donna nella casa famiglia nella quale erano ospitati. Si tratta di un sedicenne e tre diciassettenni, arrestati lo scorso agosto, e attualmente detenuti a Casal del Marmo. I tre sono accusati di aver violentato una donna di 50 anni, che all’interno della struttura svolgeva attività di inserviente.

Ma non solo: ai tre vengono mosse anche le accuse di lesioni a carico del titolare della struttura e di un educatore, nonché del danneggiamento dell’auto dello stesso titolare del centro. Stando alle accuse, i tre avrebbero tenuto un comportamento aggressivo al ritorno da un gita, rifiutando di compiere le attività all’interno della struttura. Un atteggiamento ribelle che poi si è tramutato un cieca violenza. Ora i tre dovranno spiegare ai magistrati le ragioni del proprio gesto.

Ad assistere gli egiziani anche l’avvocato Mario Cellitti. Tutto è accaduto all’improvviso. La donna, mentre svolgeva il normale turno di lavoro, è stata aggredita e poi violentata dai tre e soltanto l’intervento di altri operatori della struttura di accoglienza ha evitato che la violenza potesse proseguire. La vittima comunque, pur scioccata e terrorizzata dall’accaduto, con l’aiuto dei colleghi, ha avuto la forza di uscire dalla struttura e recarsi al pronto soccorso dell’ospedale di Alatri. A quel punto sono stati allertati i carabinieri di Alatri. Immediatamente così sono scattate le indagini. I militari dell’Arma, in collaborazione con i colleghi di Fiuggi, si sono presentati nella struttura ed hanno prelevato i tre giovani egiziani. Sono stati condotti nella caserma di Alatri a sirene spiegate, e sono stati avviati i primi accertamenti.

Per i tre era scattato l’arresto, mentre il caso aveva ben presto varcato i confini provinciali. Diversi erano stati gli interventi sull’accaduto, anche di politici nazionali che avevano innescato forti polemiche. Successivamente il sindaco di Fiuggi aveva disposto la chiusura della struttura.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400