L'ex commissario di polizia e presidente dell'associazione "I cittadini contro le mafie e la corruzione", Antonio Turri, scende in campo con Guglielmo Mollicone per dire no all'archiviazione del caso sulla morte della giovane Serena. <Qualcuno molto esperto - dice Turri - ha camuffato la scena del crimine per sviare le indagini>. Dichiarazioni che collimano con quanto ha sempre pensato e detto il padre della studentessa che non ha intenzione di arrendersi.

(Servizio nell'edizione del 14 ottobre)