Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Giovedì 08 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Frosinone: il futuro è... Rosi «Con la Samp possiamo vincere»

Il terzino Aleandro Rosi

0

Frosinone: il futuro è... Rosi
«Con la Samp possiamo vincere»

Frosinone calcio

Tra campionato e coppe Aleandro Rosi ha giocato già 255 gare e non sono poche per un calciatore che il 17 maggio scorso ha compiuto ventotto anni. Solo in Serie A ne ha disputate ben 167 e, quindi, chi meglio di lui conosce le difficoltà e le insidie che il Frosinone dovrà superare per raggiungere il traguardo della salvezza? Questa premessa per dire che il giocatore, nonostante l’attuale posizione di classifica della sua squadra, ha più volte dichiarato  che i canarini sono sulla strada giusta per restare nella massima serie.
Ma entriamo nel dettaglio della conferenza stampa di ieri mattina. Per i suoi trascorsi in maglia genoana, la partita di domenica al Comunale tra Frosinone e Sampdoria ha per lei il sapore di un derby?
«Direi di no, dal momento che quella rossoblù è stata per me una parentesi e una esperienza molto breve. È un incontro, invece, molto importante per noi e per la società. Insomma per il Frosinone».
Arriva la Sampdoria con i suoi gioielli Eder e Muriel: come pensate di fermarli?
«Il Frosinone ha già incontrato avversari anche molto più forti e quotati: mi riferisco, in ordine di tempo, al Torino, alla Roma, alla Juventus ed alla Lazio nelle cui file giocano fior di calciatori. Siamo sempre riusciti a contenerli in maniera dignitosa. Si tratta di ottimi avversari ma noi saremo come sempre compatti e decisi nel contrastarli».

La sosta del campionato può aver interrotto la fase di crescita della squadra?
«Penso di no. Anzi abbiamo potuto ricaricare un po’ le pile per ripartire dall’incontro con la Lazio che è stato molto positivo per quanto riguarda il gioco espresso. Peccato che non sia stato altrettanto positivo il risultato».
Quanti punti pensa che mancano alla vostra classifica?
«La verità è una sola. Abbiamo quattro punti e quelli persi non hanno più importanza. È fondamentale, invece, continuare a lavorare soldo per conquistarne altri. Siamo sulla strada giusta. Stiamo preparando molto bene la partita con la Sampdoria. Con l’Empoli non abbiamo giocato la migliore gara ma abbiamo vinto. E dobbiamo continuare così».
Per battere i blucerchiati basterà il Frosinone che ha sconfitto la squadra di Giampaolo o dovrete offrire una prestazione migliore?
«Contro i toscani nel primo tempo abbiamo un po’ sofferto. Meglio poi nella ripresa. Certo la Sampdoria è forte ed ha dei contropiedisti fenomenali come Eder e Muriel. Ma la nostra è una squadra viva e anche la nostra fase difensiva non è che sia da buttare. Stiamo fisicamente a posto e non è facile farci gol».
Cosa vi aspettate dalla tifoseria che, anche in trasferta, vi sta seguendo in numero sempre maggiore?
«Allo stadio Olimpico sono stati magnifici. Uno spettacolo che difficilmente dimenticherò. Cercheremo di dare loro le soddisfazioni che meritano».

Un difetto venuto alla luce in questa prima parte del campionato: cosa vi è mancato per conquistare qualche punto in più?
«Forse ci è mancato un pizzico di cattiveria in più. Sia in attacco che in difesa dovevamo essere più decisi».
Quale la sua ricetta per conquistare la salvezza? E quanti punti chiede alle prossime tre partite, prima di giocare con la Fiorentina?
«Per salvarci dobbiamo soprattutto pensare a noi stessi e non alle altre squadre. Quanti punti riusciremo a fare nelle gare contro Sampdoria, Udinese e Carpi? Non lo so. So soltanto che giocheremo la prossimo contro la Sampdoria ed è a questa partita che sto pensando insieme al resto dei compagni. Ovviamente, per vincerla».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400