Ritrovati dai carabinieri i tre calici di manifattura contemporanea rubati sei mesi fa nella Chiesa di San Michele Arcangelo di Strangolagalli. L'episodio risale al 22 maggio, quando venne denunciato il furto ai militari della locale stazione.

A seguito di attività di indagine, i carabinieri, il successivo 15 luglio, deferivano in stato di libertà un minore del posto, già censito per reati contro il patrimonio, il quale oltre ad ammettere di essere l’autore del furto dichiarava di aver gettato la refurtiva nel fiume Liri.

Nella tarda serata di ieri, i militari, a conclusione di ulteriori accertamenti, rinvenivano i calici rubati in un terreno privato, provvedendo quindi a restituirli all’avente diritto.