Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Mercoledì 07 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Arrestato Angelo Dell'OmoColpevole della morte di Bondatti

I capitani Meo e Lombardi, al centro il colonnello Tuccio

0

Arrestato Angelo Dell'Omo -
Colpevole della morte di Luciano Bondatti

Ferentino

E' Angelo Dell'Omo come avevamo anticipato questa mattina il responsabile della morte violenta di Luciano Bondatti, il pensionato di Ferentino, trovato morto, in una pozza di sangue, giovedì mattina nelle campagne di Pareti una frazione di Ferentino. La svolta investigativa si è avuta questa mattina ad opera dei Carabinieri che hanno trovato sul posto una trappola esplosiva rudimentale che si trovava a ridosso tra il terreno di proprietà del colpevole e quello nel quale è stato rinvenuto il cadavere di Bondatti. Quest'ultimo, mentre passeggiava stava facendo un sopralluogo in vista della prossima apertura della caccia al cinghiale ed ha azionato involontariamente il congegno artigianale realizzato da Dell'Omo venendo colpito dall'esplosione dello stesso con conseguente recisione dell'arteria femorale. Ferita che non gli ha lasciato scampo provocandone la morte. L'uomo, responsabile dell'accaduto, inizialmente pare abbia detto di non sapere nulla della morte del Bondatti e di avere appreso tutto solo nella tarda serata di giovedì. Le indagini dei carabinieri hanno portato gli stessi con una certa rapidità a risalire al responsabile. A casa di Dell'Omo sono stati trovati 3 fucili da caccia (regolarmente denunciati), un consistente munizionamento di vario calibro, diversi pallettoni sfusi che di solito vengono impiegati per la caccia al cinghiale, stoppacci usati come tappo per la chiusura delle cartucce ricaricate artigianalmente e un tubo in zinco tagliato ad hoc che viene utilizzato dai bracconieri come canna per realizzare i congegni di sparo come quello che è stato fatale a Bondatti. Dell'Omo, che è stato arrestato, è accusato di "omicidio colposo, costruzione, detenzione e porto di arma clandestina e omissione di soccorso". I familiari della vittima sono difesi da Vincenzo Galassi e Debora Fiore. Ancori non sono stati resi i noti i nomi dei legali che assisteranno Dell'Omo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400