Un riconoscimento prestigioso per tutta la nostra provincia! Il Maestro Sandro Di Stefano (originario della città di Ceccano),  si è aggiudicato il Premio Berenice 2016, per la categoria miglior colonna sonora (per il film Fantasticherie di un passeggiatore solitario di Paolo Gaudio), sbaragliando la concorrenza, tra l’altro ben rappresentata dal Premio Oscar Nicola Piovani (per La vita è bella), in concorso per Assolo di Laura Morante. Ieri la bellissima cerimonia di premiazione, svoltasi presso il Salone Margherita di Roma, e presentata da Giancarlo Magalli: a premiare Di Stefano l’attore Luca Lionello. Ricordiamo che la prestigiosa statuetta, nasce come omaggio alla fantasia e bravura di acconciatori, truccatori, costumisti, scenografi, compositori e realizzatori di effetti digitali per il cinema: quest’anno a presiedere la giuria la regista Lina Wertmüller.

La dichiarazione del Maestro Di Stefano, in esclusiva per i nostri lettori:

“Sono molto orgoglioso di questo Premio, perché premia il mio artigianato. L’artigianato di noi compositori per il cinema che misuriamo e vestiamo di emozioni un film. È un mestiere molto complesso dove la componente principiale è l’onestà intellettuale. Felice di aver avuto in cinquina importanti nomi del panorama internazionale. Essere premiati equivale a dare un apprezzamento al proprio lavoro svolto, e questo mi fa molto piacere.”

Sandro Di Stefano, attivo in Europa e Stati Uniti d’America, ha da poco ultimato due film di spessore in America con registi come Giorgio Serafini. Tra i suoi ultimi impegni professionali, da segnalare la chiusura ufficiale del Giubileo 2016, un evento prodotto da Vaticano e Rai tv. Ha insegnato, quindi, presso il Centro Sperimentale di Cinematografia, Cesma di Lugano, Fondazione Milano e Berkley di Boston. Attualmente è docente di composizione audiovisiva presso il Conservatorio Ghedini di Cuneo.