Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Martedì 06 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Infermiera condannata per furto con strappo

Foto d'archivio

0

Infermiera condannata per furto con strappo

Cassino

Infermiera accusata di rapina aggravata condannata ieri per furto con strappo a un anno di reclusione, pena sospesa. Ieri il giudice di Cassino ha accolto le istanze dell’avvocato Fraioli derubricando le gravi ipotesi di reato.

La storia

La donna, una cinquantenne in servizio presso una nota struttura sanitaria della città, è finita sotto processo per un’ipotesi di rapina aggravata perché avrebbe – secondo le accuse – strappato dal collo di un anziano paziente malato una catenina d’oro. Episodio gravissimo, quello descritto dalla vittima (poi deceduta) al figlio che, ascoltato l’aberrante racconto del padre, decise di rivolgersi ai vertici dell’azienda per riferire di quel terribile sospetto divenuto in poco tempo un tormento dell’anima.

Possibile che una donna a cui era stata affidata la cura dell’amato padre avrebbe approfittato della sua situazione pensando di farla franca? Così, dopo il riconoscimento effettuato dal paziente alla presenza di tutto il personale medico e infermieristico, venne presentata una denuncia a suo carico con l’apertura di un processo per un’ipotesi di rapina aggravata: aggravata dalla condizione del paziente e dall’età avanzata.

Dopo una serie di udienze ieri la decisione: un anno di reclusione, pena sospesa. Questa la pena stabilita nei confronti della professionista assistita dall’avvocato Antonio Fraioli. Il giudice ha accolto pienamente le tesi del legale: non era configurabile una rapina in quanto sarebbe mancato l’elemento chiave dell’ipotesi di reato ovvero quello della violenza o della minaccia finalizzate all’appropriazione indebita.

Sempre nell’ipotesi della responsabilità dell’imputata che ha sempre negato ogni accusa (e nella cui disponibilità, nonostante le perquisizioni e gli accertamenti, non venne trovato nulla). Derubricata l’ipotesi di reato, riconosciute le attenuanti generiche, la donna è stata condannata a un anno a fronte della possibilità di una pena che poteva essere compresa (quella per rapina aggravata) tra i 4 e i 20 anni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400