Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Venerdì 09 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









L’inquinamento causa l’infertilità
0

L’inquinamento causa l’infertilità

Lo screening

Un collegamento tra infertilità maschile e inquinamento. È quello che gli andrologi intendono dimostrare con il progetto Eco Food Fertility che coinvolge le principali aree inquinati d’Italia e d’Europa. E tra queste oltre alla famigerata “Terra dei fuochi” dove il progetto ha dato i suoi primi e preoccupanti risultati c’è pure la Valle del Sacco.

Il problema dei danni provocati dall’inquinamento alla salute umana tra le province di Caserta e Napoli è stato recentemente affrontato e i risultati sono stati pubblicati da Reproductive Toxicology.

Il confronto, sulla base del progetto Eco food ferility, partito tre anni fa grazie all’ospedale di Oliveto Citra con il contributo dei Cnr di Avellino, Napoli e Roma e l’università di Torino, è stato fatto su trecento persone abitanti nella Terra dei fuochi e altrettanti in aree non contaminate della provincia di Salerno. Da qui la necessità di estendere il monitoraggio anche nelle aree a maggior rischio inquinamento come Gela, Taranto, Brescia, Piombino, Monselice, Sassuolo, Bussi sul Tirino, e appunto Valle del Sacco.

Si partirà subito da Gelae Taranto e a seguire toccherà anche alle altre aree. Il tema, in questi giorni, è stato affrontato in un convegno nell’azienda ospedaliera San Camillo Forlanini, organizzato dalla Sia, società italiana di andrologia, e dal Tg Leonardo, il telegiornale delle scienze curato dalla testata giornalistica regionale della Rai.

«Eco Food Fertility è un progetto di ricerca multicentrico e interdisciplinare di biomonitoraggio umano volto a comprendere gli effetti combinati dell’inquina - mento, degli stili di vita sulla salute riproduttiva maschile quale principale indicatore di salute - lo ha riferito Luigi Montano, androurologo dell’ospedale di Oliveto Citra - Il progetto nato dalla “Terra dei Fuochi”, area fra la Provincia di Napoli e Caserta, divenuta un simbolo in Italia della crisi ambientale e sanitaria, per l’innovativo approccio scientifico proposto, ha sviluppato autorevoli collaborazioni scientifiche in Italia e in Europa e si presenta come un nuovo modello per la valutazione dell’impatto ambientale sulla salute umana e per la prevenzione primaria nelle aree a rischio».

Davanti alle telecamere del Tg Leonardo ha aggiunto: «Abbiamo finalmente dimostrato che il seme umano è un marker molto precoce e sensibile di esposizione ambientale. Abbiamo creato una rete di ricercatori pronti a partire a Gela, Taranto, Sassuolo, Piombino e nella Valle del Sacco nel Frusinate». Dunque la Valle del Sacco come la Terra dei fuochi. Un legame forte che ora andrà dimostrato anche con dati scientifici alla mano.

Per il progetto Eco Food Fertility verrà selezionato un numero statisticamente significativo di maschi sani, dai 18 ai 40 anni, non bevitori abituali, non consumatori di droghe e non esposti professionalmente, provenienti da aree ad alto e basso indice di pressione ambientale. La ricerca oltre all’Italia coinvolge anche altri paesi europei quali la Spagna, la Repubblica Ceca, la Grecia, la Germania e l’Ungheria.

Di questi gruppi, per meglio valutare l’impatto ambientale, sarà valutata anche l’intolleranza al glutine e un eventuale regime di dieta vegetariana. Quindi saranno sottoposti a una serie di test per valutare il livello di fertilità e la presenza di metalli nel sangue e nel seme. In un secondo tempo si valuterà la possibilità di sottoporre i soggetti a rischio a diete personalizzate che potranno essere coadiuvate da integratori alimentari realizzati su misura.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400