Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Sabato 03 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Quando i pellegrini diventano social
0

Quando i pellegrini diventano social

L'iniziativa

Cinque gruppi di “pellegrini-social”, provenienti dai cinque continenti, percorrono i più antichi tracciati giubilari fino a Roma alla scoperta di un nuovo prodotto turistico.

Da ieri è iniziata per cinque gruppi di “speciali pellegrini”, l’avventura “Italian Wonder Ways”, progetto nato in occasione del Giubileo straordinario della Misericordia e dell’anno nazionale dei cammini, indetto dal Ministero di Beni Culturali e Turismo.

Il progetto, che ha l’obiettivo di valorizzare i territori italiani del Centro Italia, al di fuori dei circuiti internazionali e ampliare l’offerta di quei luoghi capaci di accogliere un turismo colto, culturale, sostenibile, si articolerà in tutto il territorio del Lazio, per una settimana e si concluderà a Roma, il 28 settembre, con l’udienza papale a San Pietro.

L’evento, che vede coinvolte oltre al Lazio, le Regioni Umbria, Toscana e Marche, è l’occasione per far scoprire a giornalisti e bloggers, opinion leaders e influencers provenienti dai cinque continenti i piccoli borghi, i tesori storici-artistici, le comunità locali con i loro eventi tradizionali e la gastronomia dei nostri territori.

Per una settimana tutto il territorio del Lazio sarà coinvolto nelle tappe più suggestive del “Sistema dei Cammini del Lazio”. Quattro i percorsi più rappresentativi per il contesto internazionale: la Via Francigena del nord, il Cammino di Francesco, la Via Francigena del sud, nelle sue due diramazioni “Appia” e “Prenestina” e il Cammino di Benedetto, ai quali, in occasione dell’Italian Wonder Ways si aggiungono la Via Amerina e, fuori del territorio laziale, la Lauretana.

Ogni giornata vedrà, per i pellegrini giornalisti e blogger, l’esperienza di una tappa, lungo ciascun percorso, da fare rigorosamente a piedi, seguita e conclusa dall’accoglienza animata, colorata e vivace da parte dei territori, attraverso il ristoro con prodotti locali, folklore, musica, animazione, visite guidate: “Sarà l’occasione per vivere un’esperienza straordinaria nei territori del Lazio, attraverso suoi Cammini, permettendo agli speciali pellegrini dai cinque continenti, di immergersi negli ambienti e nei paesaggi unici di cui è ricca la nostra regione - evidenzia Massimiliano Smeriglio, vice Presidente della Regione Lazio con delega al Turismo - Il Lazio è uno scrigno di territori dal potenziale straordinario, collegati tra loro da cammini suggestivi che rappresentano l’ossatura portante del segmento turistico ‘slow’ e ‘outdoor’ sul quale la Regione ha deciso di puntare anche dopo il Giubileo, per dare nuove occasioni di sviluppo ai suoi territori ricchi di arte, storia, spiritualità ed eccellenze enogastronomiche, con l’obiettivo di promuovere un’offerta turistica anche fuori dai circuiti tradizionali puntando sulle peculiarità dei territori, dei piccoli borghi, sulla sostenibilità - conclude Smeriglio”.

Nel 2016 Regione Lazio e Agenzia Regionale del Turismo hanno dato ampio risalto alle iniziative connesse al Giubileo della Misericordia e ai cammini spirituali, sia tramite il sito istituzionale visitlazio.com che sui social network Facebook, Twitter, Instagram, Pinterest, Youtube e Google+, oltre che con molte pubblicazioni curate dall’Agenzia del Turismo, edite nel corso dell’anno: la “Cartoguida dell’accoglienza” con le indicazioni delle strutture turistiche ricettive presenti in un raggio di 5 Km dal tracciato ufficiale del relativo Cammino; la “Carta dei luoghi giubilari del Lazio”: Porte Sante, Chiese Giubilari, Santuari; “Divertimappe, scopri il Lazio lungo le strade dei pellegrini”, dedicata ai ragazzi e alle famiglie.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400