Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Martedì 06 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Violentata dal branco a 15 anni
0

Violentata dal branco mentre è ai domiciliari

Frosinone

Una violenza di gruppo che si consuma all’interno delle mura di casa. Una donna di 45 anni di Frosinone è stata violata da più persone dove pensava di essere più sicura, dentro casa. Dove peraltro era ristretta agli arresti domiciliari.

Una violenza ancor più assurda se si considera le limitazioni nei contatti con l’esterno che la legge impone a chi si trova a subire gli arresti domiciliari. Per non parlare dei periodici controlli che le forze dell’ordine effettuano per verificare il rispetto della misura restrittiva. E dunque i rischi che hanno corso i tre uomini per introdursi nell’appartamento. La donna, infatti, si trovava costretta agli arresti domiciliari nell’ambito di un’inchiesta su alcune rapine verificatesi nel capoluogo.

Il fatto è accaduto nel pomeriggio di giovedì, nella parte alta di Frosinone. Un pomeriggio come tanti per la 45enne finché qualcuno non ha bussato alla sua porta. Poi si è scatenata la violenza. Una violenza ancor più brutale se si considera che, in base al racconto della vittima, ad agire sono stati in tre. Il gruppetto dopo aver abusato a turno di lei si è ben presto dileguato facendo perdere le tracce.

A quel punto, con la voce rotta dal pianto e in stato confusionale, la donna ha chiesto aiuto alla polizia. Agli agenti delle volanti che sono intervenuti in suo soccorso ha raccontato di esser stata violentata da tre sconosciuti che si erano introdotti con una scusa nel suo alloggio. Una storia che è apparsa credibile agli agenti che hanno richiesto l’intervento del 118. Con un’ambulanza la malcapitata è stata accompagnata all’ospedale Fabrizio Spaziani per gli accertamenti del caso.

Lì i medici del reparto di Ginecologia l’hanno visitata e hanno riscontrato delle lesioni nelle parti intime che sarebbero compatibili con una violenza sessuale. I medici l’hanno dimessa con una prognosi di sette giorni.

In base agli elementi forniti dalla donna sono scattate le indagini affidate alla squadra mobile della questura di Frosinone. Dopo aver raccolto il racconto della donna, gli agenti si sono messi sulle tracce dei tre uomini che la donna ha descritto come suoi aggressori. Un’indagine non semplice e per la quale potrebbero rivelarsi utili le telecamere posizionate all’esterno di alcuni esercizi commerciali presenti lungo il possibile percorso di fuga dei tre violentatori. La donna, intanto, si è affidata per la cura dei propri interessi all’avvocato Luigi Tozzi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400