Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Sabato 03 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Picchia il padre e la madre invalida: in manette un giovane

Foto d'archivio

0

Picchia il padre e la madre invalida: in manette un giovane

Veroli

Aggredisce i genitori e fugge con il borsello della madre invalida. Ennesimo caso di violenza domestica sfociato però in rapina. L’episodio si è verificato la scorsa notte a Sant’Angelo in Villa. Sul posto i carabinieri della stazione di Boville Ernica che hanno fermato il ragazzo mentre tentava di la fuga. Questa mattina sarà condotto in Tribunale per il rito direttissimo. Voleva altri soldi e al rifiuto dei genitori si è scagliato prima contro il padre e poi contro la madre che indifesa non è riuscita a contenere la furia del figlio.

Non era quello il primo episodio. Già altre volte quel figlio tanto amato continuava a dare problemi, nonostante il tentativo di riportarlo sulla retta via, aggredendo i familiari e sempre per denaro. Poi di nuovo le mani addosso e una rapina proprio ai danni di chi più di tutti lo aveva sempre difeso e protetto.

I fatti

Mezzanotte. Era arrivata l’ora di andare a letto, invece di lì a poco si sarebbe consumata la violenza. A quel figlio 28enne disoccupato servivano soldi, l’ennesima richiesta di denaro a due poveri genitori che per guadagnarseli lavoravano duro. Così al rifiuto dei suoi, gli animi si sono presto surriscaldati. Il giovane che in quel “no” del padre e della madre ha visto un affronto personale, ha iniziato ad alzare i toni. Al culmine di un diverbio scoppiato per futili motivi ha perso il controllo e li ha aggrediti brutalmente. Ormai fuori di sé e dopo aver strattonato i familiari, ha rubato il borsello della madre contenente al suo interno due bancomat. A quel punto i genitori, ormai consapevoli di non poter far nulla per riportare alla ragione quel figlio che la stessa l’aveva persa completamente, si sono visti costretti a chiedere aiuto alle forze dell’ordine. Hanno composto il 112, forse con la consapevolezza che quello era l’unico modo per salvare quel ragazzo irrequieto che altre volte aveva manifestato atteggiamenti aggressivi e sempre dopo richieste di denaro.

All’arrivo dei militari della stazione di Boville Ernica, il 28enne ancor più agitato ha tentato una rocambolesca fuga con l’auto di famiglia. Il tempo però di entrare in macchina e fare qualche manovra che subito i carabinieri lo hanno bloccato. Nel frattempo era anche riuscito a danneggiare due auto in sosta. Dopo aver ricostruito quanto accaduto, è stato tratto in arresto per rapina e condotto in camera di sicurezza. I genitori visibilmente sconvolti sono stati costretti a ricorrere alle cure dei sanitari del 118. Lievi le ferite riportate, grande invece lo spavento e la consapevolezza di aver forse fallito. Questa mattina dovrà comparire davanti al Giudice per il rito direttissimo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400