Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Sabato 10 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Il procuratore capo di Frosinone Giuseppe De Falco

Il procuratore capo di Frosinone Giuseppe De Falco

0

Fondi antisismici e corruzione. Scuole, ospedali e uffici: inchiesta anche in Ciociaria

Frosinone

L’obiettivo è accertare la sicurezza degli edifici in cui centinaia di ragazzi vivono gran parte del loro anno. Ma anche quella degli ospedali, delle caserme e degli uffici pubblici. Le vicende di corruzione e di malagestione dei fondi antisismici che stanno venendo alla luce nei luoghi della tragedia, fanno accendere i riflettori anche in Ciociaria.
Ad aprire un fascicolo d’inchiesta è la magistratura di Frosinone. Sotto la lente finiranno le documentazioni relative alle norme in materia. Ad indagare, su mandato del procuratore De Falco, saranno i carabinieri del colonnello Tuccio e la polizia giudiziaria dell’Arma, coordinata dal luogotenente Pietro Piucci. L’indagine si occuperà di tutto: materiali usati per le costruzioni, cemento, sabbia, ferro e mattoni. Ma anche le procedure seguite nella realizzazione degli edifici. Si tratta di un’operazione molto complessa con la quale si punta a verificare anche se eventuali fondi ottenuti per adeguare le strutture alla normativa anti-terremoto siano stati usati per effettuare opere di consolidamento, oppure se gli stessi siano stati dirottati per altri interventi. Gli accertamenti, per gli edifici sui quali si indagherà, riguardano tutto l’iter della costruzione: dall’assegnazione degli appalti alla progettazione, dall’edificazione dell’immobile ai controlli successivi. Gli investigatori procederanno anche con la verifica dei piani di evacuazione delle strutture pubbliche e le nomine dei responsabili della sicurezza. Sotto controllo i piani di protezione civile: in provincia di Frosinone sono 12 i Comuni che non hanno inviato la documentazione alla Regione Lazio. Quelli aggiornati sono solamente tre: Frosinone, Ceprano e Piglio. Gli altri 74 andrebbero rivisti: 22 sono stati redatti tra il 2002 e il 2008, 52 tra il 2009 e il 2014 e non tengono conto delle nuove norme. Una corsa contro il tempo, quella della procura, prima che suoni la campanella... d’allarme.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400