Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Venerdì 09 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Uno schianto dopo l'altro sulla Casilina: cresce l'allarme
0

Uno schianto dopo l'altro sulla Casilina: cresce l'allarme

Ceprano

Nuovo incidente sulla Casilina, all'incrocio con via Campidoglio. È accaduto ieri, intorno alle 12, ad appena ventiquattrore di distanza dall'ultimo incidente registrato sempre sulla Casilina, ma più a nord, all'altezza della casa cantoniera.

Nel sinistro di ieri, fortunatamente non di grave entità, sono stati coinvolti due vetture, una Mercedes Classe A e un'Alfa 159, guidate da due uomini del luogo. La Mercedes era su via Campidoglio, allo stop, e si immetteva sulla Casilina su cui invece viaggiava, in direzione nord, l'Alfa che giunta all'incrocio ha iniziato la manovra di svolta; a quel punto si è verificato l'impatto. Ferite lievi per i due conducenti. Sul luogo sono intervenuti i Carabinieri della locale stazione ed i Vigili urbani che hanno effettuato i rilievi di rito e regolamentato il traffico che comunque non è stato bloccato anche se ha registrato qualche rallentamento.

Solo in questa settimana sul tratto cepranese della Casilina si sono verificati due incidenti, a distanza di 24 ore, per fortuna entrambi senza gravi conseguenze per le persone coinvolte, a conferma della pericolosità del tratto della consolare. L'ingresso nord alla città, quello dove ieri appunto si è verificato l'incidente, è proprio uno dei punti dove più spesso avvengono incidenti, certamente favoriti da fattori come la distrazione, il mancato rispetto dei limiti di velocità e la scarsa cautela.

Lungo il tratto della Casilina che va dal convento dei Padri Carmelitani Scalzi alla casa cantoniera gli incidenti sono all'ordine del giorno. In passato qui si sono registrati anche tragici sinistri con il decesso di giovani alla guida di auto, pedoni e motociclisti. Eppure la pericolosa Casilina continua ad essere scenario di incidenti. Le postazioni fisse di rilevazione di velocità pare non si possano installare, nonostante le petizioni promosse dai cittadini.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400