Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Lunedì 05 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Troppe prostitute sulle strade, Aprilia vara la tolleranza zero
0

Divieti anti-prostituzione. Residenti sul piede di guerra e strada chiusa

Villa Santa Lucia

Strade chiuse, ordinanze e divieti di sosta per bloccare il fenomeno della prostituzione nell’area industriale di Villa Santa Lucia. È tolleranza zero del sindaco di Villa Santa Lucia, Antonio Iannarelli, nei confronti del problema.

Una lotta senza quartiere che il primo cittadino vuole vincere per rispondere alle rimostranze dei residenti e ridare dignità alla zona. Diverse le risposte messe in campo: è stata chiusa con catene una traversa senza uscita di via Aurelio Ceresio; è stata emessa un’ordinanza che vieta la sosta in quelle aree ed è stata tagliata la vegetazione di alcuni “angoli hot”, nella speranza di dissuadere sia clienti che prostitute.

«Abbiamo chiuso la strada - ha affermato il sindaco Iannarelli - per limitare un fenomeno che non conosce crisi. Ma ora non si fermano più lì, vanno altrove ma gettano i rifiuti ovunque. Come cittadini siamo indignati. Sempre più numerose, infatti, le lamentele per spettacoli indecenti. Continue le segnalazioni da parte di residenti e di anziani, nonchè di clienti di alcune attività di ristorazione che insistono in questa zona per comportamenti censurabili addirittura in pieno giorno».

Ma nonostante le diverse disposizioni il fenomeno non sembra diminuire, la prostituzione è un mercato che non conosce crisi. «L’attenzione dell’amministrazione sulla zona è altissima, ma non sappiamo più cosa fare» ha commentato con rabbia il primo cittadino che sta studiando soluzioni anche per “colpire” i clienti. I residenti «Mamma ma quelle signorine cosa fanno?». «Aspettano l’autobus».

Questa una delle frequenti risposte che una mamma di Villa Santa Lucia è costretta a dare alla propria bimba di 6 anni, che ogni giorno vede il via vai delle prostitute a qualche decina di metri dal cancello della sua abitazione.

Una situazione triste e desolante che vede accomunati molti residenti dell’area. Allo stesso modo vivono nel disagio anche i titolari delle aziende e i ristoratori della zona. Le lamentele sono all’ordine del giorno, allo stesso modo le telefonate in Comune e alle forze dell’ordine, ma la risoluzione del problema prostituzione sembra sempre più un’utopia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400