Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Martedì 06 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Raccolta di beni, prosegue il lavoro delle associazioni
0

Raccolta di beni, prosegue il lavoro delle associazioni

Emergenza terremoto

Il lavoro alacre dei volontari ha fatto sì che negli ultimi due giorni si riuscisse a raccogliere un numero di prodotti non deperibili tale da poter cominciare a inviare in Sabina alcuni furgoni. La Protezione Civile sta raccogliendo i rifornimenti dei diversi centri. È il caso dell’associazione “Vivi Frosinone” (via Garibaldi, 10), che dal capoluogo ha già inviato tre mezzi carichi di beni di prima necessità e prodotti per l’igiene. A breve partirà un altro carico. Si segnala la necessità di latte in polvere, omogenizzati, salviettine umide, pannolini e prodotti per l’igiene personale.

Dalla Coldiretti Lazio due camion, tre furgoni e una colonna di dieci autovetture di beni da donare alle popolazioni colpite dal sisma. Nel capoluogo sono operative le sedi della Protezione Civile di via Fabi e delle associazioni “Sei di Frosinone se...” (via Cesare Terranova, 22) che ha accolto i volontari del “Milan Club Frosinone” presieduta da Felice Fiacco, “Codici” (piazza VI dicembre, 2), Pd (viale Kennedy), Cisl (via Cicerone, 70) e Croce Rossa Italiana (via Po, 11). A Supino Pro Loco e Croce Rossa si sono organizzate in via Marconi, mentre a Ferentino in via Ierone, si svolge una raccolta alimentare e vestiario della Croce Rossa e a piazza Vascello è attivo il comitato spontaneo dei giovani.

Solidarietà anche ad Amaseno, Villa Santo Stefano e Vallecorsa: Ec-Amasenus, Protezione Civile di Amaseno è attiva sui tre i territori raccogliendo provviste. A Vallecorsa e Villa Santo Stefano il centro di raccolta è allestito in Comune, ad Amaseno.

Ad Anagni l’amministrazione comunale, in collaborazione con la locale Croce Rossa, organizza per domani una raccolta di aiuti. Dalle ore 9 alle ore 19 saranno attivati punti di raccolta nei supermercati Conad (Osteria della Fontana), Coop (via Anticolana), Eurospin (Osteria della Fontana) e in piazza Cavour. Si richiedono beni di necessità: acqua in bottiglia, zucchero, biscotti e fette biscottate, latte a lunga conservazione, prodotti per l’infanzia, cibi in scatola, pasta e riso sottovuoto, coperte pulite e incellophanate, prodotti igienizzanti per le mani.

Partirà stamattina, per le zone colpite dal sisma, la colonna mobile della Protezione Civile di Frosinone sotto la guida della XV Comunità Montana Valle del Liri. Collaboreranno: la Guardia ambientale ecozoofila di Sora, la Misericordia di Roccasecca, il club Aquilotti di Arpino, l’associazione Foresta di Cervaro, la Protezione Civile di Arpino, Broccostella, Colfelice e Castelliri. A tal fine si mobilita anche il comune di San Vittore del Lazio che è nella giunta dell’ente montano. Mentre il Comune, tramite la sindaca Nadia Bucci, informa di essersi attivato per portare aiuto alle popolazioni colpite. A Ceccano il comitato provinciale della Croce Rossa Italiana utilizza i locali della scuola media Sindici, messi a disposizione dal Comune, per la raccolta di beni di prima necessità non deperibili da inviare alle popolazioni colpite dal terremoto. L’Avis fa sapere che non serve più sangue. A Trevi nel Lazio ha avuto grande successo la raccolta di sangue. Mentre a Fiuggi ieri e mercoledì molti cittadini si sono recati nei punti di raccolta a donare beni di prima necessità per i terremotati.

A Sora la giunta De Donatis ha votato una delibera di giunta che istituisce una raccolta di fondi per l’acquisto di un modulo abitativo prefabbricato di 70 metri quadrati, fornito di tutte le certificazioni da donare ad Amatrice.

Ristoranti e alberghi

A Frosinone l’Osteria Panzini ha aderito all’iniziativa promossa dal Gambero Rosso di devolvere due euro alle vittime per ogni piatto di amatriciana. Infine, l’agriturismo “Il Casino Rosso” di Settefrati ha messo a disposizione le sue stanze per dare ospitalità agli sfollati.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400