Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Sabato 10 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Picchiava e derubava nonna, madre e padre per la droga. Diciassettenne arrestato
0

Picchiava e derubava nonna, madre e padre per la droga. Diciassettenne arrestato

Strangolagalli

Maltrattava e derubava i familiari per comprare droga. Diciassettenne arrestato e trasferito in una comunità di recupero della capitale. Meno di un mese fa, era stato denunciato a piede libero per aver rubato le ostie sacre nella chiesa di San Michele Arcangelo e il furto dell’auto del Comune.
Una scia di denunce e la certezza di farla sempre franca perché minorenne. Si sperano ora finiti i guai per il giovane strangolagallese resosi protagonista e in negativo delle recenti cronache cittadine. Poco tempo fa era stato denunciato per il furto di tre pissidi, contenenti ostie consacrate, custodite nel tabernacolo della chiesa di San Michele Arcangelo. Un gesto che aveva creato non poco sconcerto tra i parrocchiani e che era stato presto denunciato alle autorità competenti. I militari del maresciallo Iannario avevano quindi provveduto ad interrogare persone del luogo già censite: arrivare al diciassettenne era stato piuttosto semplice tanto che alla fine aveva ammesso il furto degli oggetti sacri di cui poi si era sbarazzato. Un episodio non isolato. Solo qualche giorno prima, infatti, il ragazzo si era reso responsabile del furto dell’auto del Comune (rintracciata a Monte San Giovanni Campano e solo dopo un inseguimento con i militari, restituita al legittimo proprietario).
Cosa peggiore erano però i continui episodi di violenza domestica ai danni della madre, che più volte si era recata dal medico di famiglia per le cure del caso, del padre e dell’anziana nonna. Tutto per derubarli e riuscire ad acquistare qualche grammo di sostanze stupefacenti di cui era abituale assuntore.
E proprio i genitori si erano spesso rivolti ai carabinieri. Ieri pomeriggio, dopo le infinite denunce (almeno 4 negli ultimi due mesi) i militari della locale stazione lo hanno finalmente tratto in arresto, in esecuzione dell’ordinanza della misura cautelare emessa dal Tribunale per i minorenni di Roma. Il diciassettenne, come disposto dall’Autorità Giudiziaria, è stato trasferito in una comunità di recupero della capitale dove resterà fino al compimento della maggiore età.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400