Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Lunedì 05 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Una città carica di... fibra: completati i lavori per la rete a banda ultralarga

Una strada del centro di Veroli

0

Una città carica di... fibra: completati i lavori per la rete a banda ultralarga

Veroli

A Veroli arriva la fibra ottica. Sono stati completati i lavori di messa in posa della rete a banda ultralarga che renderà disponibili servizi innovativi a cittadini e imprese. Navigare sarà più facile grazie ai 58 chilometri di cavi in fibra ottica estesi da Tim su tutto il territorio comunale.

I lavori sono già conclusi e la completa attivazione dei servizi è prevista nel mese di ottobre. Il programma di copertura ha visto collegati 40 armadi stradali alle cinque centrali locali, consentendo di servire più di 10.000 unità immobiliari (la quasi totalità della popolazione). L’iniziativa si inserisce nell’ambito del programma “Bul Lazio” per la banda ultralarga, in collaborazione con Infratel.

Dal prossimo autunno anche gli edifici pubblici potranno usufruire di una connessione a velocità superiore rispetto all’attuale che migliorerà nettamente l’esperienza della navigazione in rete. Sono state infatti collegate con la fibra ottica la sede del Comune e quella della Comunità Montana, i due Istituti scolastici comprensivi, il liceo scientifico Sulpicio e la locale stazione dei carabinieri.

«Anche Veroli entra nella lista delle città scelte da Tim per la realizzazione della nuova rete in fibra ottica –ha dichiarato Massimiliano Caputi, responsabile Access Operations Lazio di Tim - Questa moderna infrastruttura di rete consentirà ai cittadini e alle imprese di usufruire di servizi innovativi in grado di contribuire allo sviluppo dell’economia locale e alla sempre maggiore efficienza dei servizi urbani, ad esempio nel campo dell’infomobilità e in quello della sicurezza».

Un grazie anche all’amministrazione comunale che ha consentito di utilizzare in parte anche i cavidotti esistenti, come quello per la pubblica illuminazione. Sono state utilizzate tecniche e strumentazioni a basso impatto ambientale in grado di minimizzare i tempi di intervento, l’area occupata dal cantiere, l’effrazione del suolo, il materiale asportato, il deterioramento della pavimentazione e, conseguentemente, i ripristini stradali.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400