Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Venerdì 09 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Fabio Gervasio

Fabio Gervasio, capo di prima classe della Guardia Costiera

0

Il maresciallo capo Gervasio: "Così salviamo tanti migranti"

La testimonianza

Un aquinate tra i norvegesi a salvare i migranti. È la storia del capo di prima classe, Fabio Gervasio, che dal 28 luglio è imbarcato sulla nave norvegese “Siem Pilot” in qualità di ufficiale di collegamento della Guardia Costiera italiana, impiegato nell’operazione Triton dell’agenzia Europea Frontex per il controllo delle frontiere. Un’operazione importante durante la quale nei giorni scorsi sono stati salvati 810 migranti che si trovavano alla deriva nel mar Mediterraneo.

Fatti sbarcare nella notte del 2 agosto al porto di Salerno sono stati trasferiti in bus nei centri di accoglienza di 12 regioni italiane, tra cui il Lazio. Un compito non semplice dove la professionalità non basta, serve tanto cuore.

Le condizioni sono disperate, i migranti sono ammassati in navi di fortuna senza cibo, senza ricambi. Messo in salvo anche un neonato di due giorni: “Così li strappiamo alla morte - ha raccontato con emozione il maresciallo capo Gervasio - Salvare una vita è una cosa meravigliosa, 810 è indescrivibile, il più piccolo nato da soli due giorni. Arrivi alla fine stremato, tra la fatica e la tensione, ma con la consapevolezza nel cuore di aver fatto la cosa giusta”.

La “missione” del maresciallo capo aquinate non è semplice, in qualità di ufficiale di collegamento ha il compito di coordinare l’unità (nave) con la Centrale Operativa della Guardia Costiera riportando ordini, problemi ed esigenze e coordinandosi con le altre unità in zona per operazioni di trasbordo via mare, gestendo le operazioni di coordinamento.

Ma non c’è tempo per fermarsi: dopo il pattugliamento nel canale di Sicilia, ieri mattina la “Siem Pilot” con il maresciallo capo Gervasio è stata ingaggiata per un’altra operazione di soccorso: “Circa 25 ore di navigazione - ha spiegato - per raggiungere due pescherecci, probabilmente partiti dall’Egitto, con circa altre 800 persone a bordo”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400