Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Sabato 03 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Caso autovelox: dopo la condanna è guerra in assise

Foto d'archivio

0

Caso autovelox: dopo la condanna è guerra in assise

Pignataro Interamna

“Una scena muta che ci ha lasciato senza parole”: il gruppo di minoranza di Pignataro Interamna, guidato da Benedetto Murro, ha scritto al Prefetto di Frosinone perché faccia leva sulla richiesta di chiarezza che l’opposizione pretende dalla maggioranza e dal sindaco Evangelista.

Lo scontro si è consumato nell’ultimo Consiglio: il sindaco ha accettato la richiesta della minoranza di inserire all’ordine del giorno un punto relativo alla condanna di primo grado sulla passata gestione dell’autovelox sulla 630 che vede coinvolti il primo cittadino e gli ex assessori: “Noi ci saremmo aspettati delle spiegazioni da parte del sindaco: questo chiedevamo con l’inserimento dell’argomento all’ordine del giorno. Invece, l’assessore Tiseo ha dichiarato che il Consiglio non sarebbe il luogo ideale per affrontare la questione e ha abbandonato l’aula, mentre il sindaco ha passato la parola all’opposizione - spiega il consigliere Mauro De Santis”.

Il capogruppo di opposizione, Murro, ha precisato che non loro dovevano parlare, ma Evangelista doveva spiegare. Il sindaco, dal canto suo – stando al racconto di De Santis – avrebbe replicato che l’argomento non è di interesse dei cittadini di Pignataro Interamna: “Siamo rimasti basiti – ha precisato ancora Mauro De Santis - Avrebbe dovuto parlare lui, e invece ha concesso la parola a noi l’unica volta in Consiglio comunale in cui non la volevamo. Per questo, una volta preso atto di quello che riteniamo una mancanza di rispetto nei confronti della democrazia, abbiamo deciso di scrivere al Prefetto, Sua Eccellenza dottoressa Zarrilli, per ottenere un appuntamento e spiegare le nostre ragioni”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400