Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Lunedì 05 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Frosinone Formazione: il

Il Consiglio provinciale di Frosinone

0

Frosinone Formazione: il "buco" fa paura
E rischia di inghiottire la Provincia

Frosinone

Il “buco nero” dell’Agenzia di Formazione rischia di inghiottire la Provincia. Un buco di milioni e milioni di euro per i quali a tutt’oggi non esiste una rendicontazione.

Il tempo corre e all’amministrazione guidata dal presidente Pompeo non resta che un mese per venire a capo di una situazione che si trascina da anni, facendosi sempre più ingarbugliata.
Il termine perentorio concesso dalla Corte dei Conti per adottare le misure correttive scade il 20 settembre. Così come indicato in una delibera della sezione controllo del tribunale contabile in cui, tra le altre cose, i magistrati si soffermano sulla scandalosa gestione dell’Agenzia di Formazione: dal 2004 al 2009 lo squilibrio finanziario si attestava intorno ai 19 milioni di euro.
Di questo si è parlato nel corso di una riunione richiesta da alcuni consiglieri provinciali che, in via informale, avevano appreso notizia della deliberazione della Corte dei Conti. All’incontro hanno preso parte i consiglieri provinciali (tranne Amata e Caperna), i revisori dei conti e i dirigenti, compreso il responsabile dell’area Formazione, Ferdinando Riccardi.
Ebbene quest’ultimo avrebbe confermato che ad oggi, nonostante l’istruttoria della Corte dei Conti vada avanti da circa due anni, non c’è ancora la rendicontazione degli ultimi otto, nove anni, dal 2006 al 2014. I dirigenti avrebbero tentato di salvarsi in angolo assicurando che stanno lavorando per rimediare. Sta di fatto che tutti i presenti si sono aggiornati per una nuova riunione fissata per il 31 agosto. Dopo di che, entro il 20 settembre, il Consiglio provinciale dovrebbe riunirsi per l’adozione delle contromisure richieste dalla Corte dei Conti.
Detta così sembra una passeggiata, in realtà è una corsa sfrenata contro il tempo su un campo minato. Che sarà difficile “sminare”. Sembra, infatti, che siano state fatte anticipazioni di cassa e spese che difficilmente potranno essere rendicontate. Spese tipo contributi a gare di rally, rimborsi, altre spese per il personale che sono estranee all’attività specifica dell’Agenzia di Formazione. Esborsi che per trovare una giustificazione dovrebbero finire in capo alla Provincia ed essere approvati come spese fuori bilancio. Ammesso che vi sarà qualcuno che si assumerà questa responsabilità.
Particolarmente agguerriti e attenti su questa vicenda, i consiglieri Antonio Cinelli e Alessandro D’Ambrosio, i quale non da ora ma da mesi stanno con il fiato sul collo su amministrazione e dirigenti per avere i dovuti ragguagli sulla rendicontazione delle spese dell’Agenzia di Formazione.
La Corte dei Conti indica con precisione quello che il Consiglio provinciale dovrà fare entro poco più di un mese: «Fornire indicazioni sull'attività di monitoraggio e di controllo analogo sin qui operata nei confronti dell'Agenzia Provinciale Frosinone Formazione; rendere conoscibile l’esito dell'attività di rendicontazione relativa agli esercizi 2004-2015; indicare le azioni adottate nei confronti di chi ha sostenuto spese per attività estranee alla formazione; fornire indicazioni sulle azioni intraprese a seguito della diffida intimata, in più occasioni, dal Collegio dei revisori ad interrompere immediatamente la procedura relativa all'anticipazione degli stipendi dei dipendenti della Agenzia Provinciale Frosinone Formazione». Una sfilza di impegni ai quali avrebbe dovuto ottemperare già nei mesi scorsi. Ora resta un mesetto scarso per evitare che il “buco nero” della Formazione - milioni di euro spesi non si sa come e a che titolo - si trascini dietro la Provincia. Auguri.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400