Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Giovedì 08 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Contro l'impianto di compostaggio la Regione al fianco della città

Il sindaco Nocella, il consigliere Ferdinandi e le associazioni del territorio negli uffici Ambiente della Regione Lazio

0

Contro l'impianto di compostaggio
la Regione al fianco della città

Piedimonte San Germano

Dopo la decisione di fare ricorso al Consiglio di Stato, un passo in avanti nella lotta in difesa del territorio pedemontano: anche la Regione Lazio sarà al fianco della città di Piedimonte per dire “no” alla realizzazione all’impianto di compost in località Ruscito.

 

Il territorio non si arrende e al suo fianco avrà un importante alleato: la Regione Lazio.

Si è tenuto ieri un primo incontro preliminare alla Pisana, negli uffici dell’Ambiente della Regione Lazio con la direzione Area Via (Valutazione di Impatto Ambientale), per discutere sulle azioni da intraprendere per la questione Ares Ambiente. Presenti il sindaco di Piedimonte Enzo Nocella, il consigliere comunale di minoranza Gioacchino Ferdinandi, il consorzio di Bonifica “Valle del Liri”, il consorzio di tutela del Peperone Pontecorvo Dop e le altre associazioni del territorio.

L’obiettivo è solo uno: allontanare lo spettro della realizzazione dell’impianto di compostaggio - della società Ares Ambiente srl di Bergamo - per il trattamento di ammendanti per l’agricoltura da frazione organica differenziata di 40.000 tonnellate.

«È stato un primo incontro per gettare le basi di un cammino unitario in difesa del nostro territorio - ha affermato il sindaco Nocella - Noi andiamo avanti per la nostra strada ed è fondamentale che anche gli altri enti, importanti come la Regione, siano al nostro fianco. Non c’è tempo da perdere e dobbiamo impiegare tutte le forze a disposizione per bloccare la realizzazione dell’impianto».

Una Regione Lazio che, attraverso un provvedimento  aveva  sospeso il progetto già nel 2013, continuerà a opporsi all’impianto di compost a Ruscito. Il sindaco ha confermato che l’intenzione dell’ente regionale è quello di portare a presentare appello  alla sentenza del Tar, che ha riaperto una questione che sembrava chiusa.  Infatti, nel mese di luglio, il Tribunale amministrativo regionale  ha accolto il ricorso della società Ares Ambiente srl di Bergamo, annullando il provvedimento della Regione Lazio che negava la realizzazione dell’impianto di compostaggio della società bergamasca.

«Non è una cosa semplice ma proveremo a ribattere la sentenza del Tar punto su punto - ha concluso il sindaco - Anche secondo gli avvocati regionali si tratta di una sentenza, e questo ci dà  fiducia e margini di speranza».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400