Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Giovedì 08 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Grandinata record. Chiesti aiuti alla Regione
0

Grandinata record. Chiesti aiuti alla Regione

Castrocielo

Una eccezionale grandinata che ha distrutto tutti i raccolti. Ora si contano i danni. Il Comune di Castrocielo, d’intesa con i Comuni limitrofi con propria delibera di giunta ha richiesto lo stato di calamità naturale per i danni subiti alle colture del territorio a seguito del violento nubifragio del 6 luglio.

Giorno in cui su Castrocielo, come in altri paesi del Cassinate, si è abbattuta una grandinata accompagnata da una tempesta - con forti raffiche di vento - che hanno causato gravissimi danni e hanno compromesso in più punti irrimediabilmente il raccolto di determinate produzioni agricole, ortofrutticole e vitivinicole. Danneggiata anche la raccolta del grano.

«Con il documento approvato dalla giunta - spiega il sindaco di Castrocielo, Filippo Materiale - Si richiede al presidente della Regione Lazio la dichiarazione dello stato di calamità naturale nel territorio di comune di Cassino per i danni causati dalla rovinosa grandinata che hanno compromesso il raccolto di cereali, degli ortaggi e della produzione vinicola in alcune zone del territorio comunale, nonché il raccolto della frutta».

La copia della delibera è stata trasmessa al presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, all’assessore regionale all’Agricoltura, Carlo Hausmann, e all’assessore all’Ambiente, Mauro Buschini, «per gli opportuni interventi a difesa del territorio del comune» spiega ancora il sindaco di Castrocielo, Filippo Materiale, nel chiedere immediati sopralluoghi per fare la conta dei danni.
Urgenti e straordinari sopralluoghi indispensabili per la verifica e l’accertamento della situazione di gravità verificatasi per tale eccezionale evento «ai fini della concessione di aiuti economici adeguati a compensare i danni subiti dagli agricoltori e dai viticoltori» ha concluso Materiale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400