Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Sabato 03 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Bambina morta in ospedale: inchieste e scontri politici
0

Bambina morta in ospedale: inchieste e scontri politici

Frosinone

Una bambina di 8 mesi perde la vita dopo essere stata ricoverata al pronto soccorso dell’ospedale Fabrizio Spaziani, e il caso, oltre che giudiziario diventa politico. Forza Italia sollecita una commissione di inchiesta. Il Pd invita a non fare sciacallaggio. Sullo sfondo una delicatissima indagine della Procura che dovrà accertare eventuali responsabilità.

A dare fuoco alle polveri è il consigliere regionale Mario Abbruzzese. «Questa è l’ennesima dimostrazione - evidenzia l’esponente azzurro - della malagestione del sistema sanitario da parte di Zingaretti e nel caso specifico del Commissario straordinario della Asl di Frosinone, Macchitella». L’esponente azzurro sollecita, quindi, lumi sulla vicenda, preannunciando la presentazione di una dettagliatissima interrogazione. «Spero che da entrambi arrivino presto delle spiegazioni - aggiunge - che, personalmente, chiederò anche in Consiglio regionale. So che questo non riporterà alla vita la piccola, ma è fondamentale che sia fatta chiarezza sull’ennesimo episodio negativo che riguarda la nostra sanità».

A gettare benzina sul fuoco anche Gianluca Quadrini. «Sono con Abbruzzese - evidenzia il consigliere provinciale - per l’istituzione ufficiale di una commissione di inchiesta in grado di dare risposte a una gestione della Sanità pubblica che non funziona e che comporta perdite di vite umane. È arrivato il momento di agire concretamente. Ancora di più quando a perdere la vita, in circostanze misteriose, è una bambina di otto mesi come successo pochi giorni fa nell’ospedale Spaziani di Frosinone». Il consigliere provinciale, inoltre, sottolinea come proprio questo accaduto deve essere approfondito in quanto merita tutta l’attenzione possibile. «A tal proposito - conclude Gianluca Quadrini - una commissione d’inchiesta ufficiale può e deve chiarire soprattutto le responsabilità con l’obiettivo che episodi così gravi e drammatici non si verifichino mai più».

Puntuale la replica di Simone Costanzo, segretario provinciale del Partito Democratico. Per l’esponente dem non si fa politica sulla morte di una bambina. Invita tutti alla ragionevolezza e rispedisce le critiche al mittente. E afferma: «Credo che sulla sanità bisogna essere seri ed evitare lo sciacallaggio politico veramente pessimo. Auspico - argomenta Costanzo - che la magistratura faccia in fretta il suo lavoro ma è innegabile l’azione positiva dell’amministrazione Zingaretti in campo sanitario, dove finalmente iniziano ad esserci risorse per assumere personale, fondi per le strutture e un’idea di sanità quanto più vicina possibile ai bisogni dei cittadini. Ricordo agli esponenti della destra che la peggiore stagione sanitaria della nostra provincia è stata quella dell’era Polverini, con Mario Abbruzzese, presidente del consiglio regionale che di fatto, con le macro aree ha massacrato la Ciociaria svendendola a Roma. Quindi - conclude - invito tutti ad avere un senso dell’equilibrio e un’obiettività più consoni alla realtà».

Intanto l’inchiesta della procura va avanti spedita. Dopo il sequestro delle cartelle cliniche si attendono gli esiti dell’autopsia sul corpo della piccola. Alla squadra mobile della questura di Frosinone il compito di far luce su quanto accaduto. Dal canto suo, anche l’Asl ha disposto l’avvio di un’indagine interna.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400