Incendio nel fienile, si indaga sulle cause. Gli investigatori non escludono che la rimessa sia stata data alle fiamme volontariamente da ignoti. Forse cercavano attrezzi agricoli e si sono dovuti accontentare di una scala di alluminio. Il danno stimato e relativo alla sola perdita delle 800 rotoballe andate in fumo è di quasi 3.000 euro. Indignati i proprietari che non credono all’autocombustione. L’incendio era divampato la notte scorsa in via Fontana Giusta, in località Girate, a Msg Campano. A prendere fuoco un intero capannone agricolo dove erano stipati 800 balloni di fieno raccolti nei giorni scorsi. A notare le fiamme è stata la moglie del proprietario che si era alzata per altri motivi. Quando si è affacciata alla finestra ha visto che la rimessa agricola era stata avvolta dalle fiamme. Una scena desolante. A prendere fuoco anche i teli di plastica messi a protezione delle balle. Immediatamente è stato dato l’allarme e sul posto sono giunti i vigili del fuoco di Frosinone che dopo tre ore di intenso lavoro sono riusciti a spegnere l’incendio. È quindi iniziato il sopralluogo per capire da dove fosse partito il rogo. A quel punto il proprietario si sarebbe accorto che era sparita una scala quasi sicuramente sottratta da ignoti. Un danno ingente: ottocento le balle andate in fumo per un valore di circa 3.000 euro. Anche il fienile è andato completamente distrutto. L’ipotesi di un atto doloso sembra al momento la più accreditata.