Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Sabato 10 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Piloni, scempio da coprireIl Comune studia le ipotesi

Una veduta dei Piloni nella parte alta della città

0

Piloni, scempio da coprire
Il Comune studia le ipotesi

Frosinone

Coprire per quanto possibile lo scempio dei Piloni, in attesa di capire cosa ne sarà del contratto con l’aggiudicatario del progetto di finanza, e rifare le facciate di case e attività commerciali.

Sono questi gli obiettivi ai quali l’assessore alla Riqualificazione del centro storico Rossella Testa ha iniziato a lavorare da quando sono terminati alcuni degli eventi organizzati per l’estate.
In entrambi i casi, si sta cercando la collaborazione con altri soggetti, alla luce delle difficoltà economiche che il Comune, con un Piano di rientro da 50 milioni di euro, sta attraversando oggi più di ieri.
«Ci rendiamo conto dei limiti che abbiamo - conferma l’assessore - Ecco perché è importante programmare qualsiasi tipo di intervento non perdendo mai di vista il principio della concretezza».
Residente in centro storico, l’assessore non nasconde il profondo disagio che avverte ogni volta che passa in via De Gasperi, dove abbandono e degrado ormai regnano sovrani. Una situazione che l’ha portata ad attivarsi per trovare una soluzione, seppure temporanea.
«Soffro nel vedere una parte della mia città così malridotta - dice - ma oggi non possiamo fare più di tanto perché c’è ancora un contratto con la ditta che avrebbe dovuto riqualificare il complesso dei Piloni. Ciononostante, credo che si possa intervenire per evitare che la gente continui a rabbrividire ogni volta che si trova a passare da quelle parti. Ho quindi pensato di contattare il Liceo Artistico per escogitare un modo che consenta di camuffare tale bruttura. Come amministrazione, fino a quando sarà in piedi la convenzione, non potremo utilizzare strutture fisse, ma sono certa che con la creatività dei nostri ragazzi riusciremo a nascondere tanta oscenità».
Sul fronte del rifacimento delle facciate dei palazzi e dei negozi, l’assessore Testa ha avviato una serie di contatti con il direttore della Bpc Formisano, che dovrebbero culminare con la sottoscrizione di un protocollo di intesa.
«La Banca popolare del Cassinate - dice - da sempre molto sensibile ai problemi dei comuni ciociari, ha manifestato la volontà di investire nel nostro centro storico, che ha un gran bisogno di manutenzione, ribadendo questa intenzione durante la serata conclusiva del Festival dei Conservatori. A settembre, ci incontreremo nuovamente per arrivare alla firma di un accordo. Sarebbe davvero importante riuscire nell’impresa, perché i vicoli assumerebbero un altro aspetto, certamente più decoroso rispetto ad oggi».
Guardando ai prossimi impegni, l’assessore traccia un bilancio delle manifestazioni che hanno visto protagonista il suo assessorato: «Serate in centro come pure Vetrine in musica mi hanno permesso di ricreare la vecchia passeggiata, al di là dei numeri che abbiamo registrato, affatto deludenti. Si è trattato di eventi che hanno trovato il pieno sostegno di cittadini e commercianti, come dimostrano i verbali, e che pertanto non hanno scontentato nessuno, a parte, forse, qualche esponente dell’opposizione... Per quel che mi riguarda non posso che ritenermi soddisfatta»

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400