Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Mercoledì 07 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Barba lunga e zaino sospetto. Lo scambiano per un terrorista
0

Barba lunga e zaino sospetto. Lo scambiano per un terrorista

Sora

Quelli attuali sono tempi strani dove se hai la barba, gli occhiali e una valigetta e transiti per la capitale ti può capitare di essere fermato dall’esercito e perquisito dalla testa ai piedi davanti alla gente che passa e ti guarda pure con sospetto. È accaduto due giorni fa ad un trentenne di Sora costretto in settimana a spostarsi a Roma per lavoro. La sua disavventura è iniziata ad una fermata della linea A della metro.

«Arrivo in ritardo alla fermata metro di Subaugusta, dovevo andare ad Anagnina per prendere l'autobus - racconta - Vista la mia permanenza a Sora di pochi giorni, mi sono preparato una piccola valigia come quelle della palestra. Passati i tornelli, ho notato che alcuni militari dell’Esercito mi seguivano. Mi hanno bloccato sulla banchina a fucili spianati e mi hanno perquisito davanti a tutti. Poi la richiesta del documento di identità e un altro momento difficile: ho una foto del 2009 e da un mese non taglio la barba. Perciò in loro è tornato il dubbio se fossi io o meno».

Alla fine, fortunatamente, il giovane è stato lasciato libero. Tutto bene quel che finisce bene, ma certamente per il sorano quella vissuta e raccontata in tono leggero non è certamente stata una bella avventura.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400