Il 29 febbraio scorso le Squadre Mobili di Frosinone e Napoli, dopo due anni di indagini, sgominava due associazioni a delinquere finalizzate al traffico internazionale di sostanze stupefacenti e di singoli episodi di importazione di importanti quantitativi di cocaina, hashish e marijuana. Furono quindici le ordinanze di custodia cautelare emesse dall'Autorità giudiziaria, all'appello però mancava uno dei due fratelli che si occupavano proprio di far arrivare in Italia lo stupefacente.

A seguito delle indagini della squadra mobile di Frosinone, l'uomo, un cinquantenne, è stato rintracciato ieri a Roma in un albergo del quartiere Tuscolano dove soggiornava con la sua compagna. Il malvivente è stato quindi condotto nel carcere di Regina Coeli in attesa di essere sottoposto all'interrogatorio di garanzia.