Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Martedì 06 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Scacco alla centrale del crack
Tre pusher arrestati e sette denunciati

La droga sequestrata durante l'operazione

0

Scacco alla centrale del crack
Tre pusher arrestati e sette denunciati

Ceccano

Scacco alla centrale ceccanese del crack grazie a un’importante operazione antidroga messa a segno ieri mattina dai carabinieri.

I militari della stazione di via Carlo Alberto Dalla Chiesa, coordinati dalla Compagnia di Frosinone, hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Frosinone, traendo in arresto tre persone, due di Ceccano e una di Frosinone, mentre altre sette, tutte residenti nel Frusinate, sono state denunciate in stato di libertà per il reato di “detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti in concorso”.
Il provvedimento scaturisce da una articolata attività d’indagine, partita all’inizio del 2014 dopo alcune segnalazioni da parte di cittadini di Ceccano circa l’esistenza di una persistente attività di spaccio di sostanze stupefacenti nel centro della città, durante la quale i carabinieri della locale stazione hanno predisposto una serie di attività investigative per identificarne gli autori.
Le indagini si sono dimostrate subito difficili in quanto gli spacciatori si celavano  dietro alcuni soggetti di minore spessore quasi sconosciuti alle forze dell’ordine. Eppure i carabinieri sono riusciti a raccogliere una montagna di prove, mettendo in evidenza che i pusher di droga, marijuana, hashish e cocaina, spesso trasformata nel micidiale crack mediante cottura, operavano in diverse zone della cittadina incontrando consumatori provenienti anche dai comuni limitrofi.
Vista la prudenza usata dagli spacciatori, si è resa necessaria una prolungata e perseverante attività di osservazione e di controllo che i carabinieri sono riusciti ad effettuare ricomponendo l’intero quadro dello spaccio. La strategia investigativa ha infatti permesso loro di individuare i luoghi (abitazioni private, vecchie cantine del centro storico e locali pubblici) in cui i protagonisti del traffico di stupefacenti avevano incentrato i loro interessi, ottenendo un primo successo nel seguente mese di maggio riuscivano ad arrestare in flagranza di reato un 24enne del luogo trovato in possesso di circa 100 grammi di marijuana in parte suddivisa in dosi.
Successivamente gli investigatori, con vari interventi, hanno sequestrato ulteriori quantitativi di droga, in particolare 10 grammi di cocaina, 300 di marijuana e 20 di hashish; in quell’ occasione diversi assuntori vennero segnalati alla Prefettura.
Grazie ad un lavoro certosino e paziente, i militari dell’Arma sono riusciti a raccogliere una moltitudine di elementi probatori a carico di dieci indagati, tra i quali anche due donne, rispettivamente di anni 42 e 23, che partecipavano attivamente allo spaccio. Il pubblico ministero Barbara Trotta, condividendo il brillante esito delle indagini che hanno permesso di smantellare un’efficace piazza di spaccio divenuta ormai un punto di riferimento per numerosi consumatori di droga, ha ottenuto dal gip Antonello Bracaglia Morante l’emissione di tre ordinanze di custodia cautelare agli arresti domiciliari con braccialetto elettronico nei confronti di tre persone: C. P. di 45 anni 45 di Ceccano per essere autore di altri reati della stessa indole e contro il patrimonio, M. P. 30enne ceccanese già noto alle forze dell’ordine per reati analoghi e il 24enne C. D. di Frosinone, anch’egli già noto alla giustizia.
Gli arrestati, una volta espletate le formalità di rito, sono stati sottoposti al regime degli arresti domiciliari con l’applicazione del dispositivo di controllo a distanza. Uno di loro e due denunciati sono difesi dagli avvocati Raffaele e Marco Maietta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400