Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Martedì 06 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Zingaretti su Ostetricia:
partorire qui è pericoloso

Una manifestazione all'ospedale di Alatri Foto da Archivio

0

Zingaretti su Ostetricia:
partorire qui è pericoloso

Alatri

«Partorire ad Alatri è pericoloso e per questo il reparto di Ostetricia va chiuso», lo ha detto nella mattinata di ieri il governatore del Lazio Nicola Zingaretti, presente a Frosinone per altri impegni istituzionali.

Sollecitato da una signora, giunta nel capoluogo per chiedere informazioni sul futuro del “San Benedetto”, Zingaretti non si è tirato indietro davanti alle osservazioni e ha spiegato la situazione: «Siamo obbligati a chiudere i reparti maternità sotto i 500 parti all’anno, altrimenti rischiano i nascituri e le mamme. Nei primi sei mesi ad Alatri ci sono stati 170 parti, per fine anno ne erano programmati 355. Siccome devo salvaguardare la vita delle persone, la responsabilità sulla malasanità e sugli incidenti non me la prendo». Lo stesso governatore si è detto stupito di leggere che «nell’attimo in cui si riprende ad investire (per la casa della maternità, ndc), si difendono posizioni contro la salute e la vita delle persone», sottolineando allo stesso tempo che l’ospedale alatrense eccelle in altri campi. Dichiarazioni che, sicuramente, faranno riesplodere le polemiche e, già nel pomeriggio di ieri, il comitato pro “San Benedetto” annunciava nuove, eclatanti azioni per la difesa del nosocomio.
Contemporaneamente, il consigliere regionale Mauro Buschini, impegnato da mesi in una difficile opera di mediazione tra città, Asl e Regione, presentava alla cabina di regia sulla Sanità regionale il cosiddetto “piano B”, ossia una soluzione per consentire il via ai lavori per la “casa della maternità” senza la chiusura di Ostetricia. A tal proposito, il sindaco Morini e i medici sarebbero pronti a tornare a Roma per «fornire supporto tecnico e istituzionale al fine di dare più forza al piano». Intanto, Forza Italia ha scritto una lettera aperta indirizzata agli amministratori della città in cui denuncia il completo abbandono per l’ospedale: «Sta andando in malora totale, si dovrebbe provare un minimo di vergogna e avvertire la dignità di togliere il disturbo». Ieri, infine, alle 21.30, nuovo summit del presidio fisso presso l’atrio del “San Benedetto”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400